Lo stato di Washington contro le auto tradizionali: una svolta per gli Stati Uniti?

Lo stato di Washington contro le auto tradizionali: una svolta per gli Stati Uniti?
di

Gli investimenti dei produttori di auto e la domanda da parte dei consumatori sta conducendo l'industria automotive verso una diffusione sempre più ampia di vetture a batteria a svantaggio di macchine mosse da motori a combustione interna.

Paesi quali il Regno Unito, la Norvegia o il Giappone hanno intenzione di favorire questa transizione, che ha quanto pare è condivisa anche da alcuni stati americani. Lo stato di Washington ad esempio, attraverso l'House Transportation Committee, ha votato in favore di una proposta piuttosto interessante, la quale potrebbe vietare definitivamente la vendita di autovetture tradizionali entro il 2030 su tutto il territorio statunitense. Tutto questo potrebbe trasformarsi in legge a breve, ma soltanto se incontrerà il consenso dell'House Commitee on Rulese infine quello del parlamento nazionale.

La proposta dello stato di Washington prende il nome di "Clean Cars 2030", e consentirà la circolazione esclusivamente ai veicoli dotati di motori elettrici, includendo quindi i modelli a fuel cell di idrogeno. L'eventuale legge dovrebbe applicarsi sia alle autovetture private sia a quelle pubbliche ad ogni mezzo di trasporto dal peso inferiore alle 4,5 tonnellate (moto escluse).

Lo stato di Washington non è il primo a voler porre un capolinea ai motori termici, poiché alcuni mesi fa la California ha già pubblicato una deadline al 2035, così come il Massachusetts il quale annunciò di voler seguire lo stato del Pacifico. Pertanto, non è improbabile che questa tendenza possa espandersi a giurisdizioni sempre più numerose.

Il fatto che il presidente degli Stati Uniti in carica sia Joe Biden, noto ambientalista in favore della diffusione delle auto elettriche, potrebbe rendere più facile e veloce questo processo, e in effetti il quarantaseiesimo presidente USA ha già posto in essere il suo esempio mirando a convertire 645.000 veicoli federali ad una propulsione a zero emissioni.

A ogni modo, lo stato di Washington sembra proprio il luogo ideale per le EV, sia perché dopo l'Idaho è lo stato nel quale l'elettricità costa meno, sia per l'approvvigionamento green dell'energia da convogliare all'infrastruttura di ricarica: più del 60 percento della sua energia elettrica deriva direttamente dalle dighe idroelettriche, ma non mancano centrali nucleari ed eoliche. I combustibili fossili forniscono meno del 20 percento dell'energia elettrica generata nello stato, per cui vi lasciamo immaginare la convenienza ambientale di un eventuale passaggio rapido alle vetture a batteria.

FONTE: electrek
Quanto è interessante?
2