Volkswagen Streetmate e Cityskater, così VW aveva previsto il boom dei monopattini

Volkswagen Streetmate e Cityskater, così VW aveva previsto il boom dei monopattini
di

Oggi, dopo il Bonus Mobilità 2020, tutti parlano di monopattini elettrici, qualcuno però ci aveva visto lungo già due anni fa, al Salone di Ginevra 2018: pensiamo a Volkswagen che aveva presentato i dispositivi Streetmate e Cityskater.

Lo Streetmate in particolare era un avanzato monopattino in grado di raggiungere i 45 km/h (motivo per cui probabilmente non è mai uscito sul mercato, perché avrebbe avuto bisogno di una targa), di ospitare un sellino, oltre a un potente motore da 2000W (mentre il limite di legge è 500W, oggi).

Il suo peso era di 65 kg e ricaricava la batteria da 1,3 kWh in 2 ore e 15 minuti, coprendo una distanza fino a 35 km. Non mancava un efficace freno a disco posteriore e un display da ben 5,3 pollici, con risoluzione 1.440x2.560 pixel, dunque un prodotto avanzato che nulla ha a che fare con i monopattini in vendita oggi.

Di tutt'altra pasta il piccolo Cityskater, questo sì più vicino a un normale monopattino (nonostante le sue tre ruote): raggiungeva i 20 km/h, aveva 450W di potenza e una batteria da 200 Wh, capace di coprire fino a 15 km di distanza. Pesante appena 11,9 kg per 850 mm di larghezza e 1.170 mm di lunghezza, il Cityskater poteva sopportare fino a 120 kg di peso ed era pensato soprattutto per coprire "l'ultimo chilometro", magari fra un parcheggio di raccordo o una stazione e il luogo di lavoro - e oggi ricorda da vicino il nuovo Segway Air T15, almeno come caratteristiche.

Quanto è interessante?
2
VolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagenVolkswagen