Volkswagen Beetle: conoscete questa particolare proposta del 1968?

Volkswagen Beetle: conoscete questa particolare proposta del 1968?
di

Il Volkswagen Beetle, conosciuto in Italia con i nomi di Maggiolino e Maggiolone in base alla versione, è una pietra miliare dell'automobilismo. L'auto del popolo ha anche una longevità da record, essendo stata prodotta dal 1938 al 2003.

Nell'estate 1967 arrivò il model year 1968, evento cardine della storia del modello: cambiarono gruppi ottici, paraurti e molti dettagli estetici; interventi che migliorarono l'aspetto della piccolina senza stravolgerne il design. Ciò non significa che Volkswagen non abbia mai pensato ad una rivoluzione, o che designer indipendenti non abbiano mai provato questo impulso. Proprio nel 1968 Tom Kellogg, designer noto per la Studebaker Avanti, disegnò un interessante restyling del Beetle.

Jason Torchinsky, autore dell'articolo della testata Jalopnik, sta ancora indagando sulla storia di questa proposta. Pare che Kellogg, tramite il suo studio di design, inviò il disegno per il concorso di una rivista tedesca. Il Maggiolino di Kellogg è la naturale evoluzione della proposta originale di Ferdinand Porsche. Senza dubbio molti elementi sono derivati dalla Porsche 356, vettura che può essere considerata uno sviluppo, in chiave sportiva, dei concetti che Porsche aveva dapprima sperimentato col Beetle.

La proposta mantiene i principali segni distintivi del modello, come le cromature del cofano, i fari tondi - ora integrati alle curve della carrozzeria - e gli indicatori di direzione che "cavalcano" i parafanghi. I paraurti hanno una forma minimale e le cerniere delle portiere sono ora nascoste.

Forse un restyling del Maggiolino avrebbe reso più moderna l'auto a fine anni '70, quando sul mercato si stavano minacciosamente affacciando le compatte giapponesi a trazione anteriore. Tuttavia una scelta simile avrebbe tradito uno dei punti di forza del modello: essere cambiato così poco durante i decenni permise costi di manutenzione bassissimi, grazie alla grande intercambiabilità delle componenti. Inoltre Volkswagen in questo modo si concentrò principalmente su aggiornamenti prettamente pratici.

Il Beetle è amato in tutte le salse. Il collezionista Ondrej Brom nel 2018 restaurò un Maggiolino unico datato 1941. Nel 1997 - mentre il classico era ancora costruito in alcuni paesi - Volkswagen introdusse il New Beetle. Particolarmente ricercata è l'edizione limitata New Beetle RSi, capace di erogare 224 CV. (immagine copertina: Car Design Archives)

FONTE: Jalopnik
Quanto è interessante?
2