Vendute 100.000 Xiaomi SU7 in 48 ore: ecco il perché di questo successo clamoroso

Vendute 100.000 Xiaomi SU7 in 48 ore: ecco il perché di questo successo clamoroso
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'esordio della Xiaomi SU7 è stato da record: dopo i 50.000 ordini in 27 minuti, la berlina elettrica cinese ha continuato a macinare numeri impressionanti e basta guardare i dati relativi agli ordini effettuati in 48 ore per capirlo.

La Xiaomi SU7 ha infatti ottenuto 100mila ordinazioni, il che significa che la vettura green è già esaurita per tutto il 2024. Entro le prime 24 ore gli ordini sono stati 88.898, che sono poi diventati più di 100.000 tenendo conto del secondo giorno dal lancio ufficiale. (Nel frattempo ecco il video del primo incidente con la Xiaomi SU7)

Al momento la capacità produttiva annuale del marchio (Xiaomi si appoggia a BAIC per produrre la sua vettura) è di 150mila unità, di conseguenza, tenendo conto che la produzione scatterà dopo 4 mesi dall'inizio dell'anno, il limite massimo raggiungibile sarà di 100mila unità.

Quella della SU7 resta un caso più unico che raro, tenendo conto dell'enorme entusiasmo che ha suscitato nel gigante asiatico. Stando ai media cinesi pare che 10mila persone abbiano visitato la concessionaria Xiaomi a Shanghai, con tanto di prova su strada dello stesso modello. "I test erano programmati fino alle 3 del mattino del 30 marzo", ha fatto sapere il direttore del negozio.

Come si spiega quindi tale successo? Tenendo conto tra l'altro che l'auto porta il marchio di un'azienda tecnologica, non di una casa automobilistica di blasone? Ovviamente il prezzo fa la sua parte, visto che la Xiaomi SU7 nella versione entry level costa solo 27.500 euro, ma tali cifre sono piuttosto comuni in Cina.

Forse la vera ragione sta proprio nello stesso marchio Xiaomi, che in casa (ma anche oltre i confini), gode di una grandissima fan base, tenendo conto che la maggior parte dei cittadini cinesi possiede già dei prodotti Xiaomi. E' normale quindi che chi acquista un'auto cerchi una garanzia, ed è facile intuire che Xiaomi sia un'azienda solida che non fallirà da qui a breve come invece potrebbero fare molte sue concorrenti. In Cina è infatti in corso una sanguinosa guerra di prezzi che farà sopravvivere soli i produttori più solidi dal punto di vista economico.

Ci ha messo sicuramente del suo anche Lei Jun, fondatore di Xiaomi e uomo carismatico, un guru del marketing, che ha dato vita ad un lancio della SU7 quasi come se Steve Jobs stesse presentando un iPhone.

Infine anche la stessa berlina ha ovviamente contribuito. Esteticamente è molto apprezzabile (anche se forse ricorda eccessivamente la Taycan), mentre l'autonomia nel ciclo CLTC è di 800 km, superiore di una 80ina di chilometri rispetto alla Model 3. Inoltre ha un'accelerazione brutale, con i 100 km/h da fermo raggiunti in soli 3,24 secondi. Insomma, che altro chiedere?

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi