Vendeva un litro di gasolio a 2,75 euro: multato e indagato un benzinaio

Vendeva un litro di gasolio a 2,75 euro: multato e indagato un benzinaio
di

In Italia stiamo vivendo un momento assolutamente surreale per quanto riguarda i carburanti alla pompa. In poche settimane abbiamo assistito a un'escalation dei prezzi del tutto ingiustificata, come ha ribadito il Ministro Cingolani. In tutto questo marasma c'è anche chi fa il furbetto...

È vero che in Ucraina la situazione è delicatissima, che molte rotte commerciali con la Russia sono state interrotte, con il prezzo del petrolio costantemente al di sopra dei 100 dollari al barile. I rincari attuali del petrolio però non possono determinare un aumento del prezzo alla pompa così immediato, è chiaro che qualcuno ha deciso di speculare sulla pelle degli italiani - con il Ministro Cingolani che ha definito gli aumenti una colossale truffa.

Ora a Montecchio Maggiore (Vicenza) si è anche scoperta quella che potremmo definire una sorta di "truffa nella truffa". Un distributore esponeva un prezzo di 2,509 euro al litro per il gasolio, carburante che poi nella realtà faceva pagare a 2,749 euro al litro - nella speranza che l'ignaro automobilista non si accorgesse del prezzo segnato alla pompa (ricordiamo che nel frattempo il prezzo del gasolio ha superato quello della benzina).

Nei guai è finito un uomo di 39 anni con alle spalle già precedenti per irregolarità. Gli agenti della polizia locale hanno comminato una sanzione di 1.032 euro, che potrebbero però diventare da 25.000 euro in tribunale. Le indagini della polizia potrebbero poi aggiungere alle accuse quella di tentata truffa.

FONTE: ANSA.it
Quanto è interessante?
2