Un vecchio automobilista saprebbe riconoscere gli interni di un nuovo modello?

Un vecchio automobilista saprebbe riconoscere gli interni di un nuovo modello?
di

Il design delle nostre autovetture, sia dentro che fuori, è in lenta ma costante evoluzione. Nella stragrande maggioranza dei casi però i produttori ci tengono a mantenere il look generale e il feeling che contraddistingue i propri modelli.

Insomma, i cambiamenti sono in genere molto più progressivi che rivoluzionari, e i ragazzi di CarScoops hanno pensato di raccogliere le immagini di modelli di quarant'anni fa per confrontare gli interni di un tempo con quelli attuali: un vecchio automobilista sarebbe in grado di riconoscerli?

Partiamo dalla BMW Serie 3 che, come tutte le altre auto, è visibile nella galleria in calce. La berlina tedesca dal 1975 ad oggi ha sempre dato la priorità al conducente inclinando il cruscotto verso di esso, ma è chiaro che l'attuale generazione si affida molto di più ai display, i quali hanno sostituito altri elementi.

Per la Fiat Panda la situazione è parecchio diversa, poiché il cruscotto di stoffa è stato interamente sostituito con la plastica, mentre i vecchi comandi posti dietro il volante sono stati spostati in basso a destra. In linea di massima i dettagli rimasti invariati sono assenti.

A seguire troviamo la Honda Civic. In questo caso a rimanere intatto è il profilo del cruscotto e in parte il posizionamento dei comandi, ma in quarant'anni il layout è stato ampiamente modificato per rendere immediatamente visibili e raggiungibili i pulsanti. Oltretutto dal marroncino di serie le tonalità hanno piegato verso il nero.

Il paragone tra una vecchia Classe S e la nuovissima EQS è forse il più ingiusto, ma l'intento di Mercedes-Benz di richiamare il suo passato è visibile. La console centrale e la linea in simil legno nella parte alta del cruscotto servono proprio a tale scopo, ma per tutto il resto il divario è abissale: dentro l'abitacolo la EQS esibisce display enormi, superfici lucide e forme più tonde.

Peugeot si affianca in un certo modo a Mercedes-Benz, poiché la Peugeot 305 e la 308 si somigliano per due fattori: la spigolosità delle forme e il design e posizionamento dei bocchettoni dell'aerazione. Anche qui i display sostituiscono i sistemi analogici, ma le modifiche sono incalcolabili.

In ultimo ci teniamo a menzionare il cambiamento che ha coinvolto la Volkswagen Golf GTI. Il marchio di Wolfsburg è restato fedele a sé stesso fino alla fine degli anni '90, ma ad un certo punto ha compiuto un balzo molto importante: tralasciando gli angoli netti sulla parte superiore della dashboard è davvero arduo trovare punti di congiunzione.

Prima di farci sapere la vostra tramite la sezione commenti in fondo alla pagina, dovreste dare un'occhiata al tecnologico sistema di climatizzazione appena brevettato da Ferrari: gli interni delle nostre vetture stanno per fare un altro passo in avanti?

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1
Il Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle Auto