Vasseur: 'Ferrari 2024, stop proclami, SF-23? Subito capito che non fosse all'altezza'

Vasseur: 'Ferrari 2024, stop proclami, SF-23? Subito capito che non fosse all'altezza'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sono dichiarazioni decisamente eloquenti quelle rilasciate dal team principal Ferrari, Frederic Vasseur. Il dirigente francese ha parlato in vista della stagione 2024 di Formula 1, invitando a non alzare troppo le aspettative nei confronti della Rossa.

Un chiaro riferimento a quanto avvenne nei primi mesi del 2023, quando si parlò di una monoposto col Cavallino Rampante dalle performance sorprendenti e veloci, cosa che non si è purtroppo rivelata nei fatti tenendo conto che la SF-23 è stata la peggiore Ferrari degli ultimi 14 anni.

"Il livello di aspettative di cui siamo stati coperti a inizio 2023 era eccessivo – spiega Vasseur, come si legge su Racingnews365, parole riportate da HammerTime - abbiamo capito la reale situazione dopo due giri nei test in Bahrain, ma in realtà anche prima al simulatore”.

E ancora: “Abbiamo avuto momenti difficili: Jeddah, Miami, Barcellona e Zandvoort. In questa occasione siamo stati quasi doppiati. Credo che da allora abbiamo fatto un enorme passo avanti ed è fondamentale per il futuro”.

Secondo il francese bisogna partire proprio da questa reazione per lavorare al meglio in vista della stagione futura: “Quello che dobbiamo ricordarci è la reazione che ha avuto il team. È su questo progresso che possiamo costruire le basi del 2024".

Ma come sarà il prossimo campionato di Formula 1 per Maranello? "Non so se il prossimo anno sarà migliore, nessuno lo sa. Tuttavia, uno sa cosa sta facendo all’interno del proprio gruppo ed è sempre un termine di paragone. Se riesci a recuperare un secondo e gli altri ne recuperano uno e mezzo allora sembri stupido. Se, invece, gli avversari limano appena cinque decimi allora sembri un eroe”.

Quindi ha ribadito: “Non voglio essere troppo ottimista, perché probabilmente questo ottimismo è stato uno dei problemi dello scorso anno. Adesso dobbiamo concentrarci solo su quello che stiamo facendo e non pensare al risultato del campionato prima che sia vinto o guardare alla cerimonia di premiazione prima ancora del Bahrain".

Quest'anno la Red Bull ha vinto 21 gare su 22, e Max Verstappen, che diventerà forse il pilota più forte di tutti i tempi, si è laureato agilmente campione del mondo: la storia si ripeterà ancora? Quasi sicuramente sì, ma magari qualcuno ci sorprenderà, speriamo sia colorato di rosso.