Gli utilizzatori di smartphone al volante hanno vita breve in Australia, ecco come

Gli utilizzatori di smartphone al volante hanno vita breve in Australia, ecco come
di

Quella dell'uso sconsiderato dello smartphone alla guida sta diventando una vera e propria piaga. Negli ultimi tempi è arrivata ad essere tra le cause maggiori di incidente stradale, se non la più importante in alcuni Paesi.

In Australia si è quindi pensato ad una soluzione che faccia da deterrente all'uso dei nostri dispositivi mobili. Il Ministro delle Strade del Nuovo Galles del Sud, Andrew Constance ha rivelato che è la prima volta che si utilizza tale tecnologia per punire chi guida stando sui social oppure messaggiando. Per il ministro la sicurezza stradale è gravemente minacciata da questa nuova abitudine, infatti nel Paese dei canguri è stata rilevata una possibilità quattro volte maggiore di incorrere in un incidente, rispetto a chi guida con gli occhi sull'asfalto:

"Non c'è alcun dubbio che io sia preoccupato pari modo sia per chi guida in stato d'ebrezza sia per chi lo fa utilizzando lo smartphone, ed è per questo motivo che vogliamo render chiaro a tutti che sarete arrestati se lo farete. Sempre e in ogni luogo." Queste le parole di Constance ad una TV locale.

La tecnologia consisterà nell'utilizzo di 45 unità in grado di rilevare i conducenti intenti a fare altro mentre sono al volante, le quali saranno installate nel sud-est del Paese entro Dicembre. Altre arriveranno in seguito.

Ogni unità includerà due camere, delle quali una rileva e fotografa la targa, mentre l'altra mira al parabrezza dall'alto, scoprendo la posizione delle mani dell'automobilista. L'intelligenza artificiale interviene in seguito, scernendo la presenza o meno di dispositivo mobile nell'inquadratura. Tutte le immagini che conterranno individui sospetti di comportamenti illegali verranno poi sottoposte alla verifica dell'occhio umano, che prevederà a valutare l'entità della sanzione, la quale partirà da 344 dollari australiani (212€).

Dal periodo di prova sono già emersi casi sconcertanti. Una persona è stata addirittura beccata mentre guidava barcamenandosi tra smartphone e iPad. In un'altra situazione invece un'auto dotata di due sterzi vedeva alla guida due conducenti, entrambi alle prese col proprio telefono.

Per restare nel tema delle distrazioni vi segnaliamo questa notizia, la quale vede un uomo scamparla dopo aver lasciato il proprio cane nell'auto soltanto grazie alla Dog Mode della sua Tesla Model S, la quale ha a sua volta calamitato l'attenzione del web realizzando un record al Nurbrugring.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
3