Dagli USA la micro e-bike che cambia tutto: è illegale in Europa

di

Il mondo della micromobilità elettrica ci sta regalando modelli inediti e mai visti sul mercato, scatenando la fantasia di ingegneri e designer. Oggi vi parliamo ad esempio della geniale micro e-bike di JackRabbit, che purtroppo è illegale in Europa.

Illegale forse non è il termine corretto, si tratta di una e-bike che allo stato attuale non si può omologare, si potrebbe però guidare su strade private, sentieri di montagna ecc. Insomma un vero spreco, visto che la JackRabbit nasce per cambiare radicalmente gli spostamenti urbani. Si chiama micro e-bike non per caso, pesa infatti appena 10,9 kg, meno di molti monopattini di media e alta fascia, nonostante questo però offre un motore da 300 W incastonato nella ruota posteriore, copertoni da 20" e un grande freno a disco posteriore.

Ma perché mai è "illegale" in Europa? Beh innanzitutto la JackRabbit è sprovvista di pedali, dunque più che una e-bike è un vero e proprio scooter ultra compatto, possiede una manopola dell'acceleratore e può toccare i 32 km/h, dunque ha tutte le carte in regola per NON essere omologata in Europa. Ricordiamo che nel vecchio continente una e-bike deve avere rigorosamente i pedali, non deve avere l'acceleratore e non può superare i 25 km/h.

Si tratta dunque di un prodotto pensato soprattutto per gli Stati Uniti, dove del resto viene creato, a San Diego in California. Perché si tratta di un veicolo rivoluzionario? Perché con il minimo ingombro e un peso irrisorio riesce a coprire fino a 20 km con una singola carica della batteria, un prodotto simile - senza necessità di assicurazione o targa - farebbe davvero faville nelle città. Speriamo di vedere una variante per l'Europa, anche se una catena andrebbe di fatto a snaturare l'idea del progetto originale. La JackRabbit costa 1.199,99 dollari, si possono però risparmiare 50 dollari acquistandone due.

Quanto è interessante?
1
Il mondo delle due ruoteIl mondo delle due ruoteIl mondo delle due ruoteIl mondo delle due ruote