di

Quando Ferrari decide di progettare un'auto "anniversario" scatta la magia. La Ferrari Enzo è una delle creature del Cavallino più amate, e con i suoi 400 esemplari anche una delle più rare. Ciò non bastava a James Glickenhaus, collezionista di auto e fondatore della SCG.

Il noto produttore cinematografico per avere una Ferrari su misura si è rivolto a chi la Enzo l'aveva disegnata: Pininfarina. Glickenhaus sognava una versione moderna della Ferrari 330 P3/4 di fine anni '60. Inizialmente l'auto sarebbe dovuta basarsi sulla Maserati MC12, poi si è preferito puntare su una Enzo con specifiche nordamericane. Nacque così, nel 2006, la Ferrari P4/5 by Pininfarina.

Glickenhaus prima di essere un collezionista è un amante della guida. Non stupisce il fatto che questo pezzo unico non sia rimasto segregato in un garage ma abbia percorso un buon chilometraggio. Dopo circa 16 anni la P4/5 si è meritata un detailing completo presso AMMO NYC.

La sorella della Enzo è stata pulita e lucidata, la sua vernice appare come appena uscita di fabbrica e tutte le parti in carbonio sono state minuziosamente restaurate. Sotto il cofano dallo stile retrò batte un 12 cilindri a V aspirato che può sprigionare 660 CV di potenza e 657 Nm di coppia. Pininfarina costruì un vestito con un coefficiente aerodinamico di soli 0,34 Cx, dato che aiuta la supercar a raggiungere i 360 km/h.

Glickenhaus commissionò anche una P4/5 da gara, tuttavia si tratta di una 430 Scuderia pesantemente elaborata e non di una variante da competizione su base Enzo. In questo caso la vettura, correndo regolarmente nel VLN, non poté fregiarsi del Cavallino Rampante: nacque così il marchio Scuderia Cameron Glickenhaus. Quest'anno il team ha debuttato nella 24 Ore di Le Mans.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
3