di

Jonathan Benson di Tyre Reviews è una sicurezza quanto si parla di pneumatici con un occhio di riguardo alle loro caratteristiche intrinseche e alla guida. L’inverno si avvicina e nell’ultimo video pubblicato valuta le differenze tra una trazione anteriore con gomme invernali e una trazione integrale con gomme All Season, con risultato inaspettati.

L’auto scelta per la prova è la Mini Countryman, che in versione a trazione anteriore è equipaggiata con pneumatici invernali Good Year UltraGrip Performance+, mentre in quella 4x4 monta pneumatici quattro stagioni Good Year Vector 4Seasons Gen 3. Chiaramente a parità di auto, e di trazione, una gomma invernale avrà sempre la meglio sulle altre tipologie, ma in questo caso la presenza della trazione integrale incide in maniera evidente sul rendimento di una gomma All Season, tenendo conto che il terreno di scontro è sulla neve.

Il primo test della sfida valuta l’accelerazione con partenza da fermo, e in questo frangente due ruote motrici in più forniscono tanta trazione in più. Nella prova di frenata i valori in campo di ribaltano, e la gomma invernale mostra le sue qualità, riuscendo a fermare la vettura svariati metri prima rispetto all’avversaria.

Lo “snow cyrcle” è il protagonista della terza prova, che valuta la capacità dell’auto di mantenere la linea e la facilità di guida in una curva ad ampio raggio. Qui le differenze sono minime, e le vetture quasi si equivalgono fino a che il pilota non decide di sfruttare le capacità di una 4x4, che però richiedono "del mestiere” per essere sfruttate in maniera redditizia.

La partenza in salita è un’altra prova parecchio insidiosa, ma per entrambe le vetture non è stato un problema affrontarla, anche se la trazione integrale ha svolto nuovamente un compito decisivo nel vincere anche questa prova. Fino a questo punto sembra chiaro che una trazione anteriore con gomme invernali è praticamente infermabile sulla neve, ma le due ruote motrici non riescono a fare la differenza rispetto a una trazione integrale che viaggia su gomme quattro stagioni, anche se manca la prova più importante, ossia un giro cronometrato su una pista innevata che metta in luce l’handling delle due vetture.

Ebbene, anche in questo caso la sfida è stata tiratissima, ma è stata la trazione anteriore a spuntarla, per soli 4 centesimi di secondo. Nella pista ricca di saliscendi, un’alternanza di curve veloci a medio-lungo raggio e tornantini più insidiosi, la maggior comunicatività e il grip offerto dalle gomme invernali sono riuscite a trionfare sulle quattro stagioni, che in ogni caso hanno messo in mostra prestazioni impensabili fino a qualche anno fa, e che accoppiate ad una trazione integrale, non fanno rimpiangere una gomma più specifica.

Se questa sfida vi ha incuriosito, scoprite le differenze tra una gomma standard e una specifica per mezzi EV, oppure godetevi la sfida tra una gomma sportiva, una da track day e una slick.

Quanto è interessante?
1