INFORMAZIONI SCHEDA
di

La passione per i motori può generare progetti assurdi, specialmente se a questo si aggiunge un senso di affetto verso la propria auto. E questo è il caso di Timothy, un utente di Instagram che ha deciso di trasformare la sua Mini Clubman in un pick-up da offroad ispirato alle Chevy El Camino degli anni’60. Infatti l’ha chiamata “Elcamini”.

Il video in apertura mostra alcune fasi del processo di costruzione ma se guardate la pagina Instagram di Timothy troverete ulteriori immagini dietro le quinte della sua trasformazione. Perché a differenza di quanto possa sembrare, la conversione è stata fatta completamente a mano, senza l’ausilio di particolari kit e simili, e il risultato è decisamente ottimo.

Prima di tutto è stato tagliato il tetto posteriore, il che ha richiesto una successiva opera di irrigidimento generale della Clubman, anche perché il cambiamento messo in atto da Timothy non aveva finalità puramente estetiche, ma funzionali. L’auto sarebbe diventata un pick-up e l’avrebbe utilizzata in quanto tale.

Successivamente ha sigillato ciò che restava delle portiere posteriori e, dopo aver imparato l’arte della saldatura, ha ultimato il pianale del cassone posteriore, ora pronto a farsi carico di qualsiasi oggetto. Le modifiche però non si sono limitate alla sola conversione, infatti il nostro protagonista ha montato anche un set di sospensioni rialzate, gomme specifiche per l’offroad, portapacchi da tetto con fanaleria supplementare e bull-bar anteriore per non fermarsi di fronte a niente, anche se un recente incontro ravvicinato con un cervo ha causato parecchi danni.

Il risultato finale parla da sé e a prescindere che possa piacere o meno, non possiamo che fare un plauso al lavoro svolto da questo appassionato, che riporta alla mente le incredibili creazioni del più famoso B is for Build, lo youtuber che ha dato vita alla Lamborghini Huracan da fuoristrada. E il suo pick-up compatto ci ricorda un altro veicolo dalle caratteristiche simili, ossia il Nobe 500, il pick-up elettrico con telaio in carbonio dell’omonima startup estone.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
1