Toyota ha svelato la GR Yaris Rally1: soluzioni interessanti per conquistare il WRC 2022

Toyota ha svelato la GR Yaris Rally1: soluzioni interessanti per conquistare il WRC 2022
di

Le vetture Rally1 del campionato del mondo WRC 2022 sono state svelate, costruite in fretta e furia per adattarsi ad un campionato radicalmente diverso dagli anni passati, con l’arrivo delle vetture ibride a rappresentare la classe regina del circus, e anche per Toyota è arrivato il momento di togliere i veli dal suo nuovo mostro a quattro ruote.

Hyundai è stata la prima a svelare la nuova i20 N Rally1, mentre le altre case se la sono presa con un po’ di calma. Ford ha abbandonato la Fiesta in favore della Puma Rally1 con le saette sulla livrea, invece la casa giapponese ha scelto colori in linea col passato, ma sfoggia alcune soluzioni parecchio interessanti e differenti rispetto alle rivali.

Come abbiamo detto in altre circostanze, le nuove vetture sono molto diverse grazie all’adozione di un motore elettrico che fornisce 100 kW (135 CV) di potenza in più alle vetture, per un totale di circa 500 CV. Questa spinta si scatena quando il pilota preme l’acceleratore, e dura per un massimo di 3 secondi, dopodiché bisogna ricaricare la batteria con la frenata rigenerativa e le fasi di coasting. Le vetture sono anche più semplici nell’aerodinamica e nelle sospensioni, ora più semplici strutturalmente e con meno escursione, mentre il cambio ha perso la paletta al volante tornando alla leva.

Per questo motivo Toyota ha scelto di modificare leggermente il corpo vettura di derivazione GR Yaris, abbassando il muso così da ritrovare un po’ di carico aerodinamico rispetto al passato. In quest’ottica è curiosa la scelta di adottare degli specchietti retrovisori in posizione verticale, così da limitare le turbolenze e anzi aiutare a convogliare aria sull’ala posteriore.

Toyota ha scelto poi delle prese d’aria sporgenti sulle fiancate, per raffreddare i bollenti spiriti del comparto elettrico, a differenza di Hyundai e Ford che hanno optato per delle forme inglobare nel disegno della carrozzeria. Il nuovo regolamento ha anche privato le vetture del diffusore posteriore, e su questo le case si sono mosse all’unisono, adottando delle ventole che favoriscono l’espulsione dell’aria calda proveniente dal pacchetto elettrico, così da aumentare la velocità di uscita dell’aria dal fondo della vettura, incrementando la donwforce.

Alla guida delle Toyota GR Yaris Rally1 ci saranno di nuovo Elfyn Evans e Kalle Rovampera per tutta la durata del campionato, mentre Esapekka Lappi e Sebastien Ogier saranno piloti “part-time” che si alterneranno nel corso della stagione, con l’8 volte iridato che sarà comunque al via del Rally di Monte Carlo, previsto il prossimo weekend.

Quanto è interessante?
2
Toyota YarisToyota YarisToyota YarisToyota Yaris