di

Ai ragazzi del canale YouTube km77.com piace da matti sottoporre i veicoli all'interessante test dell'alce, e stavolta hanno messo sotto torchio la nuova Toyota GR Yaris 2020 la quale, non senza una certa sorpresa, si è comportata alla grande.

Prima di addentrarci nel nocciolo della questione ci taniamo a spiegare il funzionamento della sfida. La vettura viene fatta accelerare fino ai 77 km/h, e subito dopo deve attuare due sterzate e una frenata, come a simulare l'incontro con un grosso alce proprio nel mezzo della corsia di percorrenza. Il conducente è quindi tenuto a scartare verso sinistra, a frenare e infine a rientrare nella propria corsia quanto più velocemente possibile.

In genere sono le berline medie ad eccellere in questa specialità, poiché hanno il giusto peso, un baricentro basso e una tenuta stradale leggermente migliore rispetto a quella degli altissimi SUV, delle enormi ammiraglie o delle piccole citycar. Oltretutto bisogna sottolineare il fatto che le auto completamente elettriche, essendo dotate di un grosso e pesante pacco batterie sul fondo, detengono il miglior baricentro e quindi mettono in atto un comportamento generalmente molto positivo.

Tornando alla performance della GR Yaris, il primo test è stato effettuato a 80 km/h, e cioè 3 km/h oltre la procedura standard e, nonostante ciò, la piccola giapponese non ha perso il controllo eseguendo traiettorie quasi perfette. Giusto per creare un contesto comprensibile, l'unica vettura che ad oggi si è rivelata più stabile della Yaris è stata la Tesla Model 3 (83 km/h), mentre la Toyota RAV4 si è dovuta accontentare di una velocità d'ingresso pari a 63 km/h. Il Subaru Forester invece ha superato la prova per un pelo: 77 km/h, proprio come da manuale.

Per chiudere senza allontanarci dalla casa automobilistica nipponica vogliamo citare un interessante dettaglio sulla nuova Toyota GR Yaris: a quanto pare la sportiva compatta è più potente di quanto dichiarato dal produttore.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
2