di

Che vi piacciano o meno, le microcar elettriche domineranno presto il mercato, per via dei loro prezzi bassi e costi di gestione pressoché nulli. Pensiamo alla Citroen Ami, alla XEV Yoyo, così come alla simpatica Microlino.

Non è la prima volta che parliamo di questa mini vettura a zero emissioni, anzi, abbiamo anche fatto la conoscenza di Roberto Sonza, che per Micro Mobility Systems ha disegnato la Microletta, cugina a tre ruote della Microlino. Tornando al quadriciclo, arrivato alla sua versione 2.0, siamo oggi in grado di vedere il suo primo test drive. Le dimensioni sembrano davvero ridotte, con i due occupanti che sembrano un po’ sacrificati durante le fasi di guida, è però davvero impossibile resistere alle sue linee - che ricordano tantissimo la storica BMW Isetta, e dunque la vettura iconica del Cugino It della famiglia Addams.

Pesante appena 513 kg, la Microlino dovrebbe avere un prezzo di listino di circa 12.000 euro, forse l’unico vero dettaglio che potrebbe ostacolare la sua diffusione sul mercato. A differenza della Citroen Ami però, che con gli incentivi si acquista a poco più di 5.000 euro, la Microlino è in grado di raggiungere i 90 km/h e di percorrere 200 km con una singola carica, mentre la francese si ferma a 45 km/h e 75 km di autonomia dichiarata. Per ora in ogni caso parliamo di prototipi, vedremo la prima Microlino 2.0 di serie probabilmente a settembre, in Germania, alla IAA Mobility Conference.

Quanto è interessante?
1