Tesla ha ricevuto l'ok, la Gigafactory 3 cinese inizia a sfornare Model 3

Tesla ha ricevuto l'ok, la Gigafactory 3 cinese inizia a sfornare Model 3
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Come era stato anticipato da un video di qualche settimana fa, la Gigafactory 3 di Shanghai è diventata finalmente pienamente operativa. Ora c'è l'ufficialità dell'ok da parte del Governo locale. L'immenso complesso di produzione di Tesla entrerà a pieno regime tra poche settimane, con un obiettivo estremamente ambizioso.

I lavori sono iniziati solamente lo scorso gennaio, poi è stato un susseguirsi di immagini ufficiali e riprese via drone che ci hanno mostrato l'incredibile rapidità dell'avanzamento dei lavori. Non fosse che ormai abbiamo una certa familiarità con i ritmi di operatività di Tesla e, soprattutto, dei cantieri cinesi, avremmo giurato che quegli scatti provenissero da un videogioco alla Age of Empires. Settimana dopo settimana, mese dopo mese, la Gigafactory 3 di Shanghai è venuta su come un fungo.

Ora Tesla ambisce a produrre 1.000 Model 3 ogni settimana, andando a soddisfare l'immensa domanda della berlina elettrica nel mercato asiatico.

Tesla avrebbe anche ricevuto disponibilità da parte delle autorità locali per cooperare al fine di aumentare ulteriormente l'operatività del sito. Del resto a maggio di quest'anno Elon Musk aveva addirittura parlato di una produttività di 3.000 auto a settimana.

L'altro dato di estrema importanza è che la Gigafactory 3, da oggi ufficialmente connessa all'impianto elettrico nazionale, è la prima fabbrica completamente di proprietà di un'azienda straniera sul suolo cinese. Ma è anche il primo impianto di produzione di Tesla fuori dagli Stati Uniti, anche se ora si parla già di una Gigafactory 4, quella che verrà costruita in Europa.

Quanto è interessante?
3