Tesla Performance: Ingenext ci spiega alcuni segreti dietro 'Il Fantasma'

Tesla Performance: Ingenext ci spiega alcuni segreti dietro 'Il Fantasma'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Per la stragrande maggioranza delle auto, aumentarne la potenza significa sostituire delle componenti. Alcune vetture turbo richiedono anche delle fasi di riprogrammazione dei chip onde evitare perdite d'efficienza. In quest'ultimo ambito, i miglioramenti delle auto elettriche non differiscono moltissimo, come fanno notare Steinbauer ed Electrified Garage.

Fino ad ora gli aggiornamenti software sono assolutamente necessari all'incremento prestazionale delle auto elettriche, ma i tecnici di Ingenext ci hanno permesso di capire più nel dettaglio cosa succede quando Tesla rende più veloci le sue Tesla Model 3.

Se non lo sapete, Ingenext è la compagnia che sta dietro ai pacchetti migliorativi venduti da Electrified Garage, e quindi la sua esperienza è davvero importante in questo campo. Il primo argomento trattato è "Il Fantasma": un upgrade di Livello 2, che funziona esclusivamente con i motori posteriori 1120980. Sul sito di Ingengext si può adesso capire come identificare questo tipo di propulsore: basta guardare attraverso il cerchio posteriore sinistro e individuare il codice. La domanda però è questa: perché soltanto questo motore consente tali miglioramenti prestazionali?

Ecco la risposta di Ingenext:"La potenza dell'elettronica è superiore nel motore 1120980. Tutti i modelli di Model 3 Performance hanno un motore con questo numero. Il motore 1120990 è meno potente, e quindi è impossibile aumentare la potenza di 150 cavalli. Il modulo Boost 50 è il massimo che si può ottenere."

Insomma, è vero che Tesla è in grado di potenziare a distanza le proprie vetture tramite un "banale" aggiornamento software, ma chi crede che basti questo per trasformare una Model 3 Long Range in una Model 3 Performance si sbaglia di grosso.

Nel caso voleste approfondire l'argomento vi rimandiamo alla fonte citata in calce, ma adesso, per concludere restando all'interno della casa automobilistica californiana, vi rimandiamo alla soluzione a energia solare che Lightyear ha installato nel tettuccio della Model 3 per aumentarne l'autonomia. Infine, tornando agli aggiornamenti software, il brand di Elon Musk ha cominciato a rilasciarne uno utile a far ripartire in modo autonomo le Tesla ferme al semaforo verde.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1
Tesla Performance: Ingenext ci spiega alcuni segreti dietro 'Il Fantasma'