Tesla perde il più grande test di autonomia al mondo: battuta da un EV che non conoscete

Tesla perde il più grande test di autonomia al mondo: battuta da un EV che non conoscete
di

Ogni due anni la Norwegian Automobile Federation (NAF) crea un mega evento per testare la reale autonomia delle principali auto elettriche in pieno inverno - e i risultati dell’edizione 2024 sono sorprendenti. Perché? Perché Tesla è stata battuta da un brand ancora sconosciuto ai più.

L’interessante competizione, chiamata El Prix, si auto definisce come “il più grande test di autonomia invernale” per le auto elettriche e sin dal 2020 è stato dominato da Tesla. Anche quest’anno la nuova Tesla Model 3, aggiornata a fine 2023, arrivava come la principale favorita ma è stata scalzata. Da chi? Da una vettura su cui pochi avrebbero scommesso: la HiPhi Z. Il modello del brand cinese con sede a Shanghai ha fatto segnare ben 522 km di autonomia reale, appena il 5,9% in meno rispetto all’autonomia dichiarata dallo standard WLTP, ovvero 555 km. Non male davvero, visto che il test si è svolto in pieno inverno in Norvegia. Per la cronaca: il modello vanta una batteria da ben 120 kWh.

Nessun altro modello è riuscito a fare meglio di lei, la nuova Tesla Model 3 - che partiva con la migliore autonomia WLTP, ovvero 629 km - ha totalizzato “soltanto” 441 km, seppur il consumo sia stato ottimo: 18 kWh/100 km, la Model 3 Long Range ha infatti una batteria da circa 80 kWh e in prospettiva rimane una delle più efficienti del mercato. Meglio della berlina di Elon Musk hanno fatto la Hyundai IONIQ 6, la cui batteria è durata per 467,8 km, e la Lotus Eletre, la cui mega batteria da 109 kWh ha alimentato la vettura per 464,6 km.

La IONIQ 6 è stata anche l’auto che ha consumato di meno in assoluto durante il test: appena 16,3 kWh/100 km, a prendere il premio della NAF è stata però la NIO EL6. La vettura cinese, infatti, ha consumato 19,8 kWh/100 km, -10,4% rispetto ai consumi dichiarati in condizioni standard (22,1 kWh).

FONTE: NAF

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi