Volkswagen voleva comprare Tesla, ma Elon Musk si oppose

Volkswagen voleva comprare Tesla, ma Elon Musk si oppose
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Alcuni mesi fa è saltato fuori che Tesla ed Apple erano molto, molto vicine, con la prima compagnia che sembrava avere intenzione di farsi comprare dalla seconda nel corso del 2018. Adesso invece, un ulteriore e altrettanto interessante retroscena è saltato agli onori della cronaca.

A quanto pare, nell'oramai lontano 2013, quanto Tesla era ancora una società molto piccola, era stata adocchiata da una personalità molto importante nel settore automotive. Stiamo parlando di Ferdinand Piëch, che allora ricopriva la carica di presidente del consiglio di controllo in Volkswagen.

Il dirigente si disse particolarmente impressionato della Tesla Model S dopo un test drive a bordo della berlina premium elettrica, tanto che volle immediatamente acquisire il marchio californiano. Secondo Manager Magazin, Piëch provò a convincere il riluttante Martin Winterkorn (CEO di VW in quel periodo) e Ulrich Hackenberg (capo alla ricerca e sviluppo) in merito all'acquisto, ma quando il produttore contattò Elon Musk, quest'ultimo si disse assolutamente contrario alla proposta.

Nel 2013 Tesla era stata fondata da appena dieci anni, e aveva da poco lanciato il suo primo veicolo per il mercato di massa. Difatti la prima variante di Model S era in circolo da non molti mesi, e in quel momento era anni luce davanti a qualunque altro modello elettrico. I produttori storici non si erano ancora lanciati verso questo tipo di alimentazione alternativa e, se molti credono che la compagnia di Elon Musk goda ancora di un ampio margine di vantaggio in termini tecnologici, figuratevi sette anni fa.

Come sicuramente saprete, adesso quasi ogni casa automobilistica ha investito nella propulsione elettrica, e Volkswagen lo ha sicuramente fatto in modo molto consistente. Miliardi di euro di investimenti hanno portato al lancio della ottima Volkswagen ID.3, mentre la ID.4 ci ha permesso di dare una prima occhiata all'intrigante sistema di realtà aumentata. Toyota invece, pur avendo già investito ingenti somme per un debutto di primo livello, vuole arrivare sul mercato con tecnologie avveniristiche: la società giapponese è quasi pronta alla presentazione di una EV con batteria allo stato solido.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1