Tesla è ormai un rivenditore di colonnine: EG Group acquista Supercharger per l'Europa

Tesla è ormai un rivenditore di colonnine: EG Group acquista Supercharger per l'Europa
di

A quanto pare Tesla cambia pelle e diventa (anche) un rivenditore di colonnine per ricarica di auto elettriche. Fa notizia la sua collaborazione con EG Group, un gestore britannico di stazioni di rifornimento, che da ora in poi acquisterà la tecnologia dei Supercharger del brand per i suoi punti EV in Europa.

L'obiettivo del gruppo inglese sarebbe quello di installare in breve tempo più di 20.000 "Supercharger" nel Regno Unito e nell'Europa continentale (attualmente sono solamente 600), sparsi per 3.600 siti. Si tratta di stazioni di ricarica compatibili con qualsiasi presa, dunque aperti anche a possessori di veicoli elettrici non Tesla.

Questo accordo è estremamente importante e potrebbe ribaltare lo scenario attuale dell'industria green. Con esso, infatti, il marchio guidato da Elon Musk "rischia" seriamente di diventare un colosso vero e proprio di questa realtà. Non è la prima volta, inoltre, che un accordo del genere viene stipulato: di recente hanno fatto notizia i 100 milioni di dollari investiti da BP in Supercharger, potente gruppo nordamericano. Tesla dunque si appresta a produrre non solo auto ma colonnine di ricarica su scala mondiale, e si prospetta che questo business sia destinato a crescere sempre di più con i più aggiornati e moderni Supercharger V4.

Nasce così una concorrenza che potrebbe letteralmente schiacciare gli attuali produttori di caricabatterie per veicoli elettrici, i quali - sembrerebbe - non riescono ancora a garantire una mole di produzione pari a quella di Tesla. Non solo grandi numeri, ma anche una velocità sensazionale; basti pensare che il primo sito EV di EG Group dovrebbe essere installato entro la fine dell'anno. A quanto pare siamo di fronte a una nuova era del green, e come al solito c'è lo zampino di Elon Musk.