Tesla di nuovo in tribunale: una Model X ha quasi ucciso una donna incinta

Tesla di nuovo in tribunale: una Model X ha quasi ucciso una donna incinta
di

Tesla dovrà fronteggiare una nuova denuncia, dalla natura davvero assurda che non riguarda - questa volta - alcun incidente con Autopilot o motori elettrici che vanno a fuoco. Sembra che una donna incinta sia stata schiacciata contro un muro dalla sua Tesla Model X del 2019.

Questa la vicenda come raccontata dalla donna. Siamo a Santa Barbara, California, e Mallory Harcourt - incinta di 8 mesi - è appena tornata dal lavoro con la sua Model X, parcheggiata normalmente in modalità Park. All'interno c'è il suo primo figlio di due anni, che la donna libera dal seggiolino per portarlo in casa e cambiargli il pannolino, prima di portare dentro le buste della spesa, motivo per cui le portiere dell'auto restano aperte.

Qui inizia la parte più anomala della vicenda: mentre la donna accompagna il bambino in casa, e si trova davanti all'auto, il piccolo non si sa come scivola al posto di guida e la macchina accelera bruscamente. Un'accelerazione che ha schiacciato la donna al muro causandole ferite gravi e mettendo a rischio il bimbo che portava in grembo.

Mallory Harcourt si è rotta una gamba e fratturata il bacino, inoltre in ospedale i medici sono stati costretti a far nascere prematuramente il bambino, che fortunatamente si è salvato. La donna ha così deciso di portare in tribunale Tesla poiché l'accelerazione non doveva avvenire in quel preciso istante, con l'auto parcheggiata.

La questione potrebbe risolversi prima del previsto, poiché Tesla ha la possibilità di acquisire Over-the-air la telemetria completa della vettura e capire cos'è successo. Dall'acquisizione dei dati sembra che qualcuno abbia portato l'auto da Park a Drive, mettendola così in condizione di camminare; un'azione probabilmente eseguita dal bambino finito all'interno dell'auto, va appurato.

La nuova Model 3 ha una videocamera interna per riconoscere chi guida ma la Model X sfortunatamente no, dunque è l'unico tassello da risolvere - anche se non ci sono molte varianti possibili...! Sempre dai documenti Tesla, i cui dati telemetrici sono talvolta una benedizione, sembra che l'acceleratore dell'auto sia stato premuto per 7 secondi prima di essere interrotto dal freno. Vedremo ora cosa deciderà la corte.

FONTE: TheDrive
Quanto è interessante?
1