Questa Tesla Model Y monta uno strano sensore, ma di che si tratta?

Questa Tesla Model Y monta uno strano sensore, ma di che si tratta?
di

Tesla è oramai una compagnia abbastanza rinomata per le numerose varianti dello stesso modello, che spesso portano con sé piccolissimi aggiornamenti introdotti in modo silenzioso, ma stavolta parliamo di uno strano hardware che un esemplare di Tesla Model Y monta sul suo tettuccio.

Come potete vedere dal breve video in fondo alla pagina, postato su Twitter da The Kilowatts, la vettura esibisce una sorta di enorme portapacchi dotato di un folto cablaggio e, per quanto possiamo recepire, di un sensore di immagine abbastanza voluminoso.

Gli scatti di The Kilowatts sono stati realizzati nei pressi dell'area di San Francisco, ma se vi recate sulla loro pagina Twitter potete scoprire anche altro materiale. Il report di You You Xue invece, anch'esso allegato in calce, è ancora più chiaro in quanto le fotografie del veicolo sono state ottenute in pieno giorno.

Ovviamente la domanda sorge spontanea: che cos'è effettivamente questa strumentazione? Si tratta di sensori utili a migliorare il sistema di Guida Autonoma Completa appena rilasciato in fase beta o magari di "semplici" sensori LIDAR? Al momento non siamo in grado di dare una risposta certa, e stando a quanto fatto sapere dai colleghi di Teslarati, la Tesla Model Y in questione sta circolando acconciata il quel modo già da qualche giorno.

E' chiaro che l'utilizzo di strumentazione LIDAR non si traduce automaticamente in un'implementazione estensiva su tutte le vetture che verranno consegnate ai rispettivi clienti. Magari la casa californiana sta semplicemente facendo esperimenti o rilevazioni che possano aiutare il team di sviluppo a migliorare il software già presente sui veicoli del brand.

Allo stato attuale delle cose, la Guida Autonoma Completa funziona già molto bene in situazioni spesso anche al limite, ma chiaramente non mancano difetti da sistemare e storture da raddrizzare, come ad esempio la rilevazione dei coni stradali e la risposta del sistema agli stessi. Nella speranza che la Guida Autonoma Completa possa finalmente uscire dalla fase beta ed essere migliorata in modo sostanziale, vi rimandiamo al modo con il quale la società di Elon Musk andrà a commercializzarla: sarà un servizio in abbonamento, e il via è previsto per l'inizio del 2021.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1