La Tesla Model Y ha una modalità di difesa contro le armi batteriologiche

La Tesla Model Y ha una modalità di difesa contro le armi batteriologiche
di

Tesla si sta preparando a combattere armi batteriologiche? Beh implicitamente si, come ha scoperto il noto hacker “green”. Sembra che le nuove Model Y avranno una Modalità Bioweapon Defense. Cerchiamo di capire cos’è.

Sin dall’uscita sul mercato di Model X e Model S, Tesla ha puntato su filtri HEPA di eccellente qualità, “10 volte più grandi rispetto ai normali filtri delle altre auto”, con quello del SUV elettrico “100 volte più efficace rispetto ad altri filtri di auto premium”. Elon Musk ha dichiarato di aver avuto l’idea dal co-fondatore di Google Larry Page, installando filtri in grado di abbattere il 99,97% di polveri sottili e gas inquinanti, oltre a batteri virus, pollici e spore.

Questi spettacolari filtri HEPA, montati per l’appunto su Model S e Model X, non sono mai arrivati su Model 3 e Model Y, ora però l’hacker “green” rivela come su Model Y stia per l’appunto arrivando un nuovo filtro HEPA con tanto di Modalità Bioweapon Defense, letteralmente “difesa contro armi batteriologiche”.

Chiaramente si tratta di una provocazione, un modo alquanto scherzoso per affermare la potenza dei propri filtri HEPA, che purtroppo non arriveranno su Model 3. Musk ha sempre detto di non avere spazio a sufficienza per un filtro simile sulla sua berlina, e “green” conferma che attualmente non ci sono tracce nel software della M3. Gli utenti Model Y invece potranno dormire sonni tranquilli anche in tempi di guerra batteriologica... a patto di dormire in macchina, certo. Vi ricordiamo che siamo saliti a bordo della prima Model Y arrivata in Italia dagli USA.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
2