di

Lo YouTuber italiano Giovanni Fois in genere non si occupa di motori e infatti, dando un'occhiata alle sue recenti pubblicazioni, ama tantissimo il cibo e la discussione sulla cucina. A ogni modo, stavolta ha deciso di lanciarsi nell'Autodromo Vallelunga per una eccitante gara di accelerazione fra tre bolidi di una certa caratura.

Come potreste vedere voi stessi attraverso il video in alto, le contendenti sono rappresentate da una Ferrari Portofino, da una Tesla Model 3 Performance e da una Lamborghini Huracan Evo (disponibile in nuove e accese tonalità). Prima di lasciarvi al verdetto della strada vogliamo condividere un po' di numeri.

Partendo dalla supercar di Maranello possiamo citare la presenza di un poderoso V8 twin-turbo da 3,9 litri, capace di erogare una potenza di 600 cavalli e una coppia di 760 Nm, i quali devono spingere una massa di 1.664 chilogrammi attraverso un cambio automatico a doppia frizione e sette rapporti che scarica il tutto verso le sole ruote posteriori. A seguire c'è l'unica vettura elettrica del trio, che grazie ai suoi motori elettrici sprigiona circa 470 cavalli di potenza e 660 Nm di coppia che riesce ad inviare con estrema precisione a tutte e quattro le ruote per spostare un peso di 1.931 chilogrammi. Infine sulla griglia di partenza abbiamo il mostriciattolo di Sant'Agata Bolognese, il quale vanta i numeri più imperiosi in assoluto: il suo V10 aspirato da 5,2 litri incanala verso tutte e quattro le ruote un output pari a 640 cavalli di potenza e 601 Nm di coppia facendo uso di un cambio automatico a doppia frizione e sette rapporti. La massa a secco è uguale a 1.422 chilogrammi.

In base ai dati condivisi dai tre produttori, sullo scatto da 0 a 100 km/h ci sono importanti differenze. La Portofino infatti sarebbe la più lenta per via di un tempo di 3,5 secondi, con la Model 3 Performance a spuntarla di 0,2 secondi e la Huracan Evo a batterle tutte con l'eccezionale tempo di 2,9 secondi.

La pista però ci ha più volte insegnato che i numeri non sono tutto, e se volete scoprire come si sono comportate le macchine non dovrete far altro che visionare per intero la clip in alto. A proposito di performance ci teniamo a chiudere senza allontanarci dal marchio di Fremont, perché alcune ore fa sono state ribadite le capacità straordinarie dell'imminente Tesla Roadster: la targhetta espositiva di un esemplare in mostra all'interno di un museo parla di uno 0 a 96 km/h da 1,1 secondi.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1