di

I ragazzi di km77.com hanno rifatto il Test dell'Alce, portando al patibolo in questo caso una Tesla Model 3 ed una Mazda CX-30. Si tratta di una delle prove più difficili per una qualsiasi vettura in campo di sicurezza stradale.

La performance da attuare consiste nel simulare oggetti, persone o animali (come l'alce) mentre attraversano improvvisamente la strada davanti ad un veicolo in movimento, e il conducente deve essere abile nello schivare gli ostacoli mantenendo il totale controllo della vettura. In questo campo moltissime auto falliscono miseramente, come la Jaguar I-Pace o la nuova Toyota RAV4.

La Mazda CX-30, l'ultima auto per famiglie della gamma Mazda, non si comporta male, nonostante abbia disputato la prova ad una velocità inferiore al solito. I primi tentativi sono stati effettuati a 77 km/h, ma la macchina ha mostrato un eccessivo sottosterzo, che ha causato l'investimento di alcuni poveri coni stradali. Nonostante tutto il conducente ha affermato che la CX-30 era perfettamente controllabile e sicura, nonostante i fallimenti. A 74 km/h invece le cose sono andate leggermente meglio, ma è reiterata la presenza di un leggero sottosterzo. Non male comunque.

La Tesla Model 3 invece ha messo in gioco una performance niente male, e infatti non è la prima volta che effettua con successo un Test dell'Alce. A 83 km/h la prestazione è stata molto buona, con attivo il settaggio standard di rigenerazione di energia in frenata. Con sottosterzo molto leggero e controllabile la berlina californiana ha pertanto dimostrato, nonostante la velocità d'ingresso maggiore, di poter portare a casa il test, anche abbattendo qualche cono. L'importante è evitare la corsia con gli ostacoli e ritornare velocemente nella propria nel modo più sicuro possibile.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
3