Tesla migliora la chiave digitale con l'Ultra-Wideband: modelli e telefoni compatibili

Tesla migliora la chiave digitale con l'Ultra-Wideband: modelli e telefoni compatibili
di

Tesla ha da poche ore rilasciato il primo aggiornamento software per il suo Cybertruck, senza però dimenticare le altre vetture della line-up. Sembra infatti che abbia migliorato la funzionalità Phone Key tramite iPhone: vediamo come.

Tesla ha sempre odiato l’uso del classico telecomando, per Elon Musk e soci un simbolo “del passato”, motivo per cui le sue auto si sono sempre sbloccate tramite scheda RFID oppure direttamente da telefono, utilizzando il chip NFC. Una tecnologia che Apple ha migliorato molto negli ultimi anni, lanciando nel 2019 l’iPhone 11 con funzionalità Ultra-Wideband (UWB). L’anno successivo anche Apple Watch è stato dotato di questa tecnologia, nel 2021 invece è toccato ai flagship di Samsung. L’Ultra-Wideband è una tecnologia simile al Bluetooth e al WiFi e permette di comunicare con altri dispositivi NFC compatibili con maggiore precisione. Un assaggio di cosa può fare l’Ultra-Wideband lo avete con i dispositivi “Find my” di Apple, attraverso iPhone - infatti - è possibile ottenere istruzioni precise per ritrovare Airtag o AirPods. Ebbene parliamo dell’UWB perché Tesla ha appena aggiunto il supporto alla tecnologia sulle sue auto, per migliorare le performance della chiave digitale.

Per una volta, Tesla non è stata la prima a portare una tecnologia avanzata sulle sue auto; con l’UWB la società di Elon Musk è stata battuta sul tempo da BMW, che l’ha implementata già nel 2020 per i telefoni Apple e nel 2023 per i telefoni Android con la Digital Key Plus. Concorrenza a parte, è bene specificare che non tutte le Tesla sono compatibili con le funzioni avanzate dell’Ultra-Wideband: poiché è necessario un chip apposito, solo le nuove Tesla Model 3 2024 (Highland), il Cybertruck e le nuove Model S e Model X saranno compatibili. Grazie a questa tecnologia, la vettura è in grado di sapere esattamente a che distanza si trova il proprietario, dunque può sbloccarsi solo quando è davvero vicino alla portiera di guida. L’UWB dovrebbe anche assicurare una maggiore affidabilità; se prima poteva capitare che la Phone Key non funzionasse a dovere, costringendovi di tanto in tanto ad aprire l’applicazione Tesla per sbloccare manualmente la vettura, ora questi casi dovrebbero verificarsi molto meno.

Il supporto all’Ultra-Wideband (UWB) è all’interno dell’aggiornamento 2024.2.3. La funzione è compatibile a partire dall’iPhone 11 e successivi e con le versioni dell’app dalla 4.29.5 in poi. Non sappiamo se presto anche i telefoni Android con UWB saranno in grado di sfruttare la tecnologia.