Tesla Cybertruck, invasione di flipper: pick-up rivenduto a prezzi esorbitanti

Tesla Cybertruck, invasione di flipper: pick-up rivenduto a prezzi esorbitanti
di

L'arrivo delle prenotazioni per Tesla Cybertruck ha portato con sé una situazione che molti di noi temevano: la speculazione da parte degli scalper. Gli scalper non sono certo una novità, esistono fin dai tempi delle "materie prime" a tiratura limitata.

Di recente, abbiamo assistito allo stesso copione con il GMC Hummer EV, il quale, una volta aumentata la produzione, ha causato un crollo dei prezzi nel mercato dell'usato. Nonostante Tesla abbia provato in tutti i modi a evitare questo fenomeno attraverso una clausola sui contratti, adesso (a quanto pare) è il turno del Cybertruck.

Questi "cyber-flipper" (così vengono chiamati in realtà) stanno mettendo in vendita i loro pick up a prezzi gonfiati, anche senza avere il veicolo effettivamente in mano, nonostante le minacce di sanzioni civili da parte di Tesla che superano i 50.000 dollari nel caso in cui qualcuno dovesse rivendere il proprio veicolo entro il primo anno dalla consegna. Del resto basta fare un rapido conto per rientrare agevolmente della spesa. Lo sa bene un rivenditore tedesco (l'unico in Europa) che sostiene di avere per le mani un Cybertruck omologato per il mercato europeo, ma il prezzo è piuttosto alto.

Yossi Wizman, registrato come agente per una LLC collegata a un'agenzia di noleggio auto esotica in Florida chiamata Luxury Miami Car Rentals, ha inserito uno di questi annunci su Facebook Marketplace: un Cybertruck al prezzo esorbitante di 275.000 dollari. Wizman ha pubblicizzato l'annuncio dove il veicolo risulta "disponibile" per il noleggio presso l'agenzia, anche se dalle foto si evince chiaramente che l'agenzia non ha ancora per le mani il veicolo (e come potrebbe, sarà ancora in lista d'attesa), quindi le foto nell'annuncio non sembrano riferirsi al veicolo effettivo.

Sembra che comunque la tendenza sia la stessa anche in tutti gli altri casi, ovvero: annuncio di un Cybertruck in vendita senza che il rivenditore abbia effettivamente il veicolo in garage. La maggior parte di quelli in vendita infatti risultano prenotati ma non ancora consegnati. Molte inserzioni indicano date di consegna previste tra marzo e aprile di quest'anno, ma con una produzione stimata di meno di 50.000 unità entro il 2024 da parte della stessa Tesla, chiunque prenoti oggi un Cybertruck potrebbe dover aspettare molto più a lungo.

Un altro esempio che vi riportiamo (ringraziando i colleghi di Motor1.com americani) è un Cybertruck in vendita in Texas per 150.000 dollari e un altro a Eureka, in California, allo stesso prezzo. Un venditore a Williamsburg, in Virginia, chiede invece 115.000 dollari, un'apparente occasione rispetto agli altri prezzi.

Nel mentre vi mostriamo questo bellissimo Tesla Cybertruck in formato Lamborghini Countach, c'è anche un'offerta più costosa a San Diego, California, con un contratto di leasing di un anno a 162.000 dollari. Inoltre, vi è n'inserzione a Kulpsville, in Pennsylvania, che riporta il prezzo (un po' più economico di 130.000 dollari, anche se i dettagli del contratto non sono forniti nell'annuncio.

Probabilmente, questi "leasing" sono un tentativo di aggirare la clausola anti-speculazione di Tesla presente nell'accordo di acquisto del Cybertruck per via di chissà quale cavillo normativo che gliscalper hanno trovato nella legislatura. Tesla, d'altro canto, specifica nell'accordo di vendita, che ha il diritto di prelazione su qualsiasi acquisto di Cybertruck di seconda mano. Solo se l'acquirente rinuncia a questo diritto, può rivendere il veicolo privatamente. In caso contrario, Tesla può richiedere sanzioni civili. Probabilmente è proprio in questa nota che qualcuno ha trovato il modo di aggirare le sanzioni.

Non sorprende vedere alcuni di questi veicoli in vendita a prezzi elevati, soprattutto considerando che saranno inizialmente disponibili in quantità limitata, ma ricordiamo (per la cronaca) che il prezzo di listino di Tesla Cybertruck negli Stati Uniti è di 60.000 dollari (certo, aspettando un po' per la consegna). Tesla ha chiarito che il Cybertruck richiederà un notevole aumento della produzione per soddisfare la domanda attuale e dunque queste situazioni di "limbo" in cui il prodotto è scarso genera sempre questo tipo di fenomeni di reselling.