Tesla chiude l'impianto di Shanghai per COVID: in Cina la peggiore ondata dal 2020

Tesla chiude l'impianto di Shanghai per COVID: in Cina la peggiore ondata dal 2020
di

La guerra fra Russia e Ucraina ha di sicuro messo il COVID in secondo piano, ma cosa sta succedendo con la Pandemia che ha piegato il mondo negli ultimi due anni? Beh dalla Cina non arrivano buone notizie.

Diversi quartieri a Shanghai, per fare un esempio noto, sono attualmente blindati dalle autorità cinesi, con la gente bloccata nei propri alloggi. Una nuova situazione d'allarme che è arrivata a toccare anche l'impianto Tesla di Shanghai, costretto a chiudere per due giorni a causa dell'attuale aumento dei contagi. La società californiana non ha ufficializzato il COVID-19 come motivo di chiusura, sappiamo però che si tratta di questo, con molti operai bloccati e impossibilitati a raggiungere il posto di lavoro.

Del resto la Cina sta vivendo la peggiore ondata dal boom del 2020: nei primi tre mesi del 2022 ci sono già stati più casi che in tutto il 2021, dunque la situazione è tutt'altro che rosea - e con i cattivi venti di guerra che soffiano in Ucraina, da cittadini europei siamo purtroppo autorizzati a preoccuparci.

La notizia dello stop della Giga Shanghai è in ogni caso arrivata dalla Reuters, che ha scritto: "Il gigante dell'automotive Tesla ha sospeso la produzione presso la sua fabbrica di Shanghai per due giorni, così come si apprende da una nota interna inviata ad alcuni fornitori. Il motivo è da ricercarsi nelle stringenti misure prese dalla Cina per contrastare una nuova, violenta ondata di COVID". Il tutto mentre a Berlino ci si prepara per l'apertura ufficiale della Tesla Giga Berlin, con le prime Model Y europee che verranno consegnate il 22 marzo 2022.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
4