Tesla aggiunge il Passenger Play e finisce in un'indagine NHTSA: la storia

Tesla aggiunge il Passenger Play e finisce in un'indagine NHTSA: la storia
di

Le auto di nuova generazione sono dei veri e propri computer su quattro ruote, con grandi schermi centrali su cui è possibile fare di tutto, anche giocare o vedere film e serie TV. Ovviamente mentre guidate queste opzioni vengono disattivate, tuttavia un recente update di Tesla non è piaciuto alla NHTSA americana.

La NHTSA è l'istituto che vigila sulla sicurezza dei veicoli negli Stati Uniti e un recente aggiornamento del software di bordo delle Tesla non è piaciuto affatto. Elon Musk e soci hanno infatti introdotto una funzione chiamata Passenger Play, che come potete intuire permette al passeggero di interagire con applicazioni "vietate" anche in fase di guida.

Per giocare sullo schermo delle nuove Tesla (con l'ultimo update sulle Tesla trovate persino Sonic) basta ad esempio toccare con il dito un tasto di OK per confermare di essere il passeggero e non il conducente, nulla di più, ed è proprio questo scarso livello di sicurezza che ha indispettito la NHTSA. Pensata in questo modo, la funzione diventerebbe estremamente pericolosa, motivo per cui è stata aperta una nuova indagine sul caso - che riguarda già 580.000 veicoli. Stiamo parlando delle Model S, 3, X e Y costruite fra il 2017 e il 2021, vedremo se Tesla dovrà rimuovere oppure migliorare il livello di sicurezza della funzione.

Nel frattempo vi ricordiamo che Tesla ha consegnato gli ultimi documenti per la Giga Berlin, che ormai è a un passo dall'attivazione.

Quanto è interessante?
2