Studenti inventano un dispositivo che cattura l'inquinamento da pneumatico

Studenti inventano un dispositivo che cattura l'inquinamento da pneumatico
di

Un gruppo di studenti britannici ha appena trovato un modo per catturare la polvere di gomma che si stacca dagli pneumatici dei veicoli. Si tratta di uno dei maggiori fattori di inquinamento atmosferico e acquatico, per cui i ragazzi hanno vinto il James Dyson Award nel Regno Unito.

Le microparticelle di gomma sono responsabili per quasi la metà delle emissioni dovute al trasporto stradale, a detta del governo inglese, e rappresentano la seconda fonte di microplastica inquinante negli oceani dopo gli oggetti in plastica monouso.

"Tutti si concentrano sull'inquinamento atmosferico derivante direttamente dai motori stessi, che emettono dai tubi di scarico. Quello che però le persone spesso non riconoscono è il fatto che il consumo degli pneumatici è un enorme contributore all'inquinamento, e ciò è dovuto alla misura microscopica e alla generica invisibilità." Queste sono state le parole di Hugo Richardson, uno studente del gruppo di The Tire Collective che si è di recente espresso durante un'intervista per Reuters.

Insomma, all'atto pratico il dispositivo in questione si monta sul bordo degli pneumatici e, grazie all'elettrostatica e all'aerodinamica, raccoglie le particelle direttamente dalle ruote in movimento nello stesso istante nel quale vengono emesse. Secondo Richardson il lockdown è servito alle persone per rendersi conto, brevemente, dei grossi benefici garantiti dalla pulizia dell'aria:"Penso che tutti siamo in grado di realizzare che un'aria cittadina pulita non è più un sogno impossibile, ma invece un qualcosa immediatamente ottenibile attraverso innovazione intelligente e all'impulso di chi di dovere."

Secondo gli studenti il dispositivo, in fase prototipale, è già in grado di collezionare il 60 percento di tutte le particelle emesse da una gomma all'interno di un ambiente controllato, e dal nostro canto speriamo che possa giungere sui veicoli di tutti i produttori nel modo più rapido consentito.

A proposito di lotta all'inquinamento, pare che ultimamente il Regno Unito sia costantemente sotto i riflettori in questo ambito. E' notizia di oggi la decisione del governo di istituire delle tratte autostradali per sperimentare dei limiti di velocità ridotti a scopo di ridurre l'inquinamento prodotto dai gas di scarico. Per chiudere senza allontanarci dall'isola d'oltremanica vi consigliamo di dare un'occhiata alla strategia di McLaren utile a combattere questa fase di recessione: il brand ha messo in vendita il proprio quartier generale a Woking.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
3