Stellantis dice addio alle ibride:'andremo a tutta birra sui veicoli a batteria'

Stellantis dice addio alle ibride:'andremo a tutta birra sui veicoli a batteria'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il nuovo colosso dell'automotive che risponde al nome di Stellantis, appena originatosi dalla fusione tra i gruppi FCA e PSA, ha deciso quest'oggi di chiarire la propria posizione nel merito degli investimenti sul futuro della mobilità.

A parlare è stato il CEO del brand Carlos Tavares, il quale ha definito un programma piuttosto impressionante e con ben pochi compromessi. Secondo il dirigente le soluzioni ibride sono destinate a sparire, per cui i quattordici marchi che compongono l'enorme società produttrice di veicoli si affideranno esclusivamente all'energia proveniente dalle batterie nel più breve tempo possibile.

"Stiamo andando a tutto gas verso i veicoli elettrici a batteria, poiché crediamo che il mix delle vendite composto da ibride ed elettriche pure si sposterà velocemente verso queste ultime. Non crediamo di tenerci sulle mild hybrid o plug-in hybrid in futuro." Così Tavares ha commentato nel merito della questione, e scommetteremmo tutto sul fatto che le due piattaforme EV proprietarie possano risultare molto utili.

Successivamente Tavares si è soffermato sulle emissioni veicolari, sostenendo di voler raggiungere ambiziosi obiettivi già entro il 2025, quando Stellantis avrà lanciato sul mercato decine e decine di auto completamente elettriche. Già per la fine dell'anno in corso, il colosso punta a commercializzare ben dieci veicoli "high voltage".

"Sto ponendo i miei ingegneri di fronte a sfide durissime. Stiamo lavorando alacremente sullo stoccaggio dell'energia, ma anche sull'efficienza energetica dei motori elettrici, sulla trasmissione e sull'aerodinamica."

Insomma, Tavares sta convogliando gli sforzi di tutte le persone facenti parte di Stellantis per accelerare progressivamente verso un futuro a zero emissioni. Allo stesso tempo è lecito attendersi rimodulazioni dei prodotti proprietari (addio al team SRT?) ed estensive riorganizzazioni produttive. In questo senso pare che gli stabilimenti italiani Fiat e non costino troppo: quale sarà la decisione finale?

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1