Sony non ha piani concreti per la Vision-S: cosa ne sarà dell'auto a guida autonoma?

Sony non ha piani concreti per la Vision-S: cosa ne sarà dell'auto a guida autonoma?
di

Un paio di anni fa erano trapelate informazioni su un eventuale debutto di Sony nell'industria automobilistica, e dopo qualche mese le voci di corridoio si sono rivelate parzialmente corrette, poiché il colosso tech giapponese ha tolto i veli dalla Vision S in occasione del Consumer Electronic Show (CES) del 2020.

Il brand aveva affermato di essere interessato ad alcuni tipi di tecnologia del mondo delle quattro ruote, tra le quali c'è senza alcun dubbio la guida completamente autonoma e la mobilità priva di conducente. Questo però non significa che Sony abbia intenzione di aprire una divisione auto vera e propria per competere con gli attuali attori del mercato.

Andare ad avviare una produzione in serie di veicoli ad alti volumi è un compito estremamente complesso, e molte compagnie importanti hanno fallito, per cui Sony ha intenzione di tastare con prudenza il terreno prima di avviare qualunque strategia.

Adesso infatti i ragazzi di Automotive News hanno condiviso un possibile aggiornamento sulla questione tramite un'intervista a Izumi Kawanishi, executive vice president presso Sony. In base alle parole di Kawanishi il brand "al momento non ha un piano concreto" in merito alla Vision-S, che allo stato attuale dei fatti è ancora alla fase di ricerca e sviluppo (ecco un video di inizio anno su sensori e sistemi elettrici).

"Dobbiamo analizzare quale sia il nostro obbiettivo circa il contributo che possiamo dare nel settore della mobilità. Questa è la nostra idea di base, e dobbiamo proseguire nella fase di ricerca e sviluppo." Per come è stata presentata, la Vision-S aveva l'obbiettivo di accogliere i passeggeri in un ambiente altamente tecnologico e confortevole, con un sistema sonoro 360 Reality Audio a garantire una sfera uditiva singola per tutti gli occupanti, ma non può mancare la connessione 5G e un Playstation Network attivo e funzionante: videogiochi, musica e film al primo posto.

"Per realizzare un'area di intrattenimento simile all'interno di un veicolo dobbiamo comprendere l'opportunità e metter su il sistema giusto." Così Kawanishi ha concluso il recente intervento. Da parte nostra non vediamo l'ora di avere più informazioni sul progetto e sulle sue specifiche tecniche, ma per chiudere restando in tema di guida autonoma non possiamo non tirare in ballo l'ultimo aggiornamento della Guida Autonoma Completa di Tesla: venerdì è arrivata la beta della versione 10, e qualcuno l'ha già provata.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
1