La mancanza di semiconduttori sta spingendo i produttori di auto verso specifici segmenti

La mancanza di semiconduttori sta spingendo i produttori di auto verso specifici segmenti
di

Da circa un anno a questa parte ha cominciato a farsi sentire una problematica in gran parte inattesa: la scarsità globale di semiconduttori. La situazione sta portando le case automobilistiche a concentrarsi su segmenti e modelli a volumi inferiori e profitti maggiori.

Verso il mese di novembre 2020 la mancanza si è fatta estremamente importante, poiché i semiconduttori servono a realizzare i microprocessori, che guadagnano sempre più spazio anche in industrie dove fino a pochi anni fa non venivano affatto utilizzati. La convergenza tra l'arrivo della nuova generazione di console, il lancio di nuovi processori e schede grafiche per PC consumer, nonché l'esplosione improvvisa del mercato delle auto elettriche sono tutti fattori che hanno contribuito alle difficoltà di approvvigionamento.

Come riportato da Reuters alcune ore fa, pare adesso che il CEO di General Motors, Mary Barra, abbia dichiarato durante una riunione con gli investitori che la compagnia può ottenere risultati migliori evitando l'accumulo di veicoli e il focus sui modelli a volumi alti e prezzi bassi, dotati chiaramente di un margine di profitto ridotto.

Altri produttori di auto statunitensi hanno optato per tenere i volumi alti su modelli a con margine minore provando a conquistare quanti più automobilisti possibili. Come Jalopnik ha fatto notare di recente, la filosofia di General Motors è stata per decenni quella di lanciare vetture per ogni tasca e ad ogni scopo, ma le difficoltà sorte negli ultimi mesi sembrano indirizzare GM verso un altro obiettivo: priorizzare le macchine più costose per garantirsi solidi profitti.

"Non torneremo mai al livello di inventario che avevamo prima della pandemia, perché ci siamo accorti di poter essere molto più efficienti." Sono state queste le parole pronunciate da Barra in una recente dichiarazione, ma è difficile credere che General Motors sia stata l'unica compagnia ad adottare tale soluzione.

Di recente anche Stellantis si è trovata impossibilitata a sfornare nuove Peugeot 308 ai ritmi prefissati, e nel frattempo il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato di stare approntando una nuova legge per mettere definitivamente da parte la mancanza di semiconduttori, ma ci riuscirà davvero?

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1