di

Da quando si è presentata al pubblico, dopo pochi minuti tutti parlavano delle prestazioni sensazionali che la Tesla Model S Plaid è capace di esprimere , chiedendosi se fossero tanto spaventose anche nella realtà. Ebbene, non è un segreto che le performance ci sono eccome, ma un conto è l’accelerazione sul dritto, un altro è l’handling in pista.

E questo è il quesito che si sono posti i ragazzi di Throttle House, un canale YouTube canadese dedicato al mondo delle auto, che hanno deciso di portare una Model S Plaid su un tracciato di prova così da saggiarne le qualità anche lontana dal contesto urbano ed extra-urbano. Ebbene, se l’accelerazione resta da riferimento, lo stesso non si può dire delle altre voci che si riferiscono all’handling della vettura.

Il primo punto a sfavore è ovviamente il volante a cloche, ma anche questo non è più una novità e abbiamo capito che lo "yoke" o si ama o si odia. Il vero punto debole invece si nasconde nella frenata, incapace di dare costanza e potenza a sufficienza, tanto da definirla “un’auto con più di mille cavalli, ma con i freni di una Toyota Camry” (a tal proposito, c’è chi ha fatto un confronto tra la spesa d’acquisto e gestione tra una Toyota Camry e una Tesla Model 3). Un altro elemento critico sembra essere lo sterzo, che non riesce a tenere a bada le reazioni della vettura: non appena si innesca una perdita di aderenza, il servosterzo smette quasi di funzionare e diventa molto pesante a causa della massa generosa della vettura.

Inoltre la Model S Plaid non ha ancora una “Track Mode” come per la Model S Performance, e questo non permette il disinserimento del controllo di trazione, che oltretutto ha un comportamento altalenante. Alle volte tiene la potenza imbrigliata per troppo tempo, mentre altre volte agisce in maniera troppo lieve, e tutto questo si traduce in poca fiducia trasmessa al guidatore, che ogni volta si trova tra le mani una vettura poco prevedibile.

Bisogna però ricordare che la Tesla Model S Plaid non è pensata per la guida in pista, e in effetti nell’uso stradale fa benissimo quello per cui è nata, oltre a lasciare a bocca aperta tutti coloro che provano sulla loro pelle la forza G scatenata dalle sue accelerazioni.

Quanto è interessante?
1