Sciopero generale del 26 ottobre: la situazione a Roma, Milano e Napoli

Sciopero generale del 26 ottobre: la situazione a Roma, Milano e Napoli
di

Oggi 26 ottobre 2018 sarà una giornata difficile per i trasporti, per via dello sciopero generale di 24 ore dei lavoratori Cub, Sgb, Si Cobas, Usi-Ait e Slai Cobas e Usi.

Partiamo dalla situazione di Roma, dove Atac è coinvolta "in prima persona": sono a rischio i bus, i tram, le metropolitane, le ferrovie Termini-Centocelle, Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Vitero e le linee periferiche Roma Tpl. I mezzi pubblici si fermeranno per 24 ore, salvo nelle fasce di garanzia dalle 5:30 alle 8:30, e dalle 17: alle 20:00. Fermi anche i mezzi Cotral del servizio extraurbano.

A Milano i lavoratori di Italo, Trenitalia e Trenord hanno iniziato a incrociare le braccia dalle 21:00 del 25 ottobre, mentre a mezzanotte è scattata l'agitazione negli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio al Serio. Ferma anche l'ATM, l'azienda di trasporti cittadina, con tram, autobus e metro fermi nella giornata del 26 ottobre - dalle 8:45 alle 15:00, dalle 18:00 fino alla fine del servizio. Il servizio della metropolitana però dovrebbe interrompersi soltanto dalle 18:00 in poi.

Chiudiamo con Napoli, dove sono fermi i sindacati Usi, Cub, Sial Cobas e Sgb. Si prevedono disagi soprattutto sulla Linea 2 della Metropolitana, gestita da Trenitalia. Le fasce garantite in ogni caso vanno dalle 6:00 alle 9:00, dalle 18:00 alle 21:00. Nessun problema invece con i mezzi della Anm.

I motivi dello sciopero sono stati spiegati dagli stessi sindacati: si mira a ripristinare l'articolo 18 per tutti i lavoratori, inoltre si chiede una riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario, con sanità gratuita e diritto alla casa. E ancora pensione a 60 anni o con 35 anni di contributi e reddito minimo garantito. Questa invece la situazione a Bologna, Torino e Firenze.

Quanto è interessante?
4

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!