Rivoluzione in atto in BMW: sforbiaciata alle motorizzazioni per puntare su elettrico

Rivoluzione in atto in BMW: sforbiaciata alle motorizzazioni per puntare su elettrico
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un altro produttore tedesco si prepara ad ottimizzare con una bella sforbiciata la sua attuale line-up. Sembra che BMW sia intenzionata a ripulire il suo attuale portfolio, specie per quel che concerne l'offerta attuale di opzioni di motorizzazione. L'obiettivo è quello di liberare risorse per favorire i modelli elettrici.

BMW vuole ridurre del 50% la sua attuale offerta di motori termici. Vale a dire, buona parte dell'attuale offerta a combustibile. Obiettivo elettrico. BMW vuole ottimizzare i costi per puntare con maggiore forza su ibrido e 100% elettriche. La scelta, almeno in parte, potrebbe essere stata accelerata dalle regolamentazioni europee sulle emissioni.

Abbiamo già visto come i brand tradizionali, con la sola esclusione di Toyota, stiano sudando sette camicie per rientrare nei limiti di emissioni di flotta imposti dall'UE, tant'è che il prossimo anno ci si attende una sanzione colossale per la totalità dei brand principali.

"Dal punto di vista della produzione, fino al 50% degli attuali motori a combustione saranno eliminati a partire dal 2021 a vantaggio della creazione di architetture per veicoli intelligenti e migliorate", fa sapere BMW con una nota. "Tra le altre cose, il tempo di sviluppo dei nuovi veicoli sarà ridotto fino ad 1/3 rispetto ad oggi".

Secondo The Drive potrebbe addirittura significare che dal 2022 BMW produrrà esclusivamente veicoli ibridi o elettrici. Considerando gli ultimi rumor sulle nuove Serie 3 e 5 (oltre che quelli su una Porsche 718 elettrica) non è una tesi completamente irrazionale.

In questi giorni anche Mercedes-Benz ha annunciato una rivoluzione totale sul fronte del suo portfolio. Nel caso del brand di Stoccarda l'esigenza è quella di abbattere i costi: oggi moltissimi dei veicoli Mercedes usano un pianale esclusivo, vale a dire, non versatile ma progettato esclusivamente per servire un unico modello d'auto. Una scelta semplicemente incompatibile con l'attuale modello predominante dell'industria dell'auto.

FONTE: The Drive
Quanto è interessante?
2