di

Molto spesso capita che, quando si acquista una fantastica hypercar, non la si possa sfruttare appieno. Certo, ci si può trascorrere i weekend godendosi viaggi da sogno, ma è arduo tirarne fuori tutte le performance.

La soluzione potrebbe essere un track day, ma sono in molti a non amare la pratica, soprattutto a causa dell'elevata quantità di tempo necessaria a raggiungere la pista, a preparare il tutto eccetera. Rimac adesso ha una soluzione a tutto questo, la quale permette ai clienti di comunicare con la propria macchina.

Non stiamo parlando di comandi vocali o assistenti alla guida, ma di feedback e "incoraggiamento." La divisione della guida autonoma di Rimac ha infatto messo in piedi un "Insegnante di guida" gestito dall'intelligenza artificiale, che è capace di leggere e analizzare una quantità incalcolabile di dati per capire qual è il modo migliore di guidare la vettura in pista. La parte migliore però, è che la IA può anche guidare al posto vostro.

A inglobare questa funzione sarà la Rimac C_Two: una stupefacente hypercar elettrica da 1.914 cavalli di potenza e 2.300 Nm di coppia. Grazie a questi numeri il bolide può passare da 0 a 96 km/h in 1,85 secondi e superare i 415 km/h di velocità massima. Insomma, a bordo di questo mostro è facile sbagliare, basta pochissimo, e in questo senso vogliamo rimandarvi alle parole di Sacha Vrazic, direttore del team per la guida autonoma di Rimac, rilasciate ai ragazzi di Top Gear:"Quello che stiamo costruendo è un sistema dove la IA gioca un ruolo chiave, insegnando al conducente come comportarsi in pista, al massimo delle performance del veicolo. Non tutti i nostri clienti sono piloti professionisti, ma vogliamo che tutti possano godersi la macchina e divertirsi."

Il sistema fa uso di un computer avanzatissimo, il quale analizza sei terabyte di dati ogni ora, che a loro volta provengono da 9 telecamere di bordo, LIDAR, radar e 12 sensori a ultrasuoni. Gli algoritmi poi raccolgono questi numeri, li elaborano e li forniscono al conducente sotto forma di consigli, ad esempio: il sistema può dire al conducente dove e come staccare alla fine di un lungo rettilineo e, se questo vuole vedere come si fa, la vettura prende il controllo e glielo mostra. Incredibile.

Chiaramente poi la Rimac C_Two si guarda intorno e rileva gli altri veicoli in tempo reale:"Abbiamo utilizzato piloti professionisti, che ci hanno aiutato a capire il giro ideale, ma anche la IA riesce a calcolare il giro perfetto. Poi abbiamo messo a confronto il giro del pilota professionista e quello della nostra IA per carpirne le differenze. E' stata una parte importante."

Per concludere vi consigliamo di dare un'occhiata a questa assurda Rimac Scalatan: è il concept di una hypercar del futuro da 3.000 cavalli.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
1