La ricarica wireless per EV sempre più vicina: WiTricity raccoglie 34 milioni di dollari

La ricarica wireless per EV sempre più vicina: WiTricity raccoglie 34 milioni di dollari
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Oggi la cosiddetta “ricarica wireless” è entrata nel quotidiano di molti di noi, pensando agli smartphone ovviamente. Presto però anche le auto elettriche e ibride plug-in potranno usufruire di una tecnologia simile.

Sono sempre di più le persone nel mondo che non usano più cavi per ricaricare il loro smartphone: lo poggiano magari su una base di ricarica wireless sul comodino, sulla scrivania in ufficio, su un alloggiamento dedicato nell’auto, in maniera quantomai pratica. Ebbene qualcuno sta lavorando per portare la tecnologia anche sulle automobili elettriche: pensate alla comodità di parcheggiare in garage, oppure su uno stallo pubblico, senza dover prendere cavi, adattatori e quant’altro.

Una pedana alloggiata a terra porterebbe l’energia elettrica direttamente al pianale dell’auto. Non è la prima volta che si parla di ricarica wireless per auto, già Audi l’ha sperimentata sulla sua e-tron GT, BMW l’ha implementata sulla sua 530e iPerformance, la tecnologia però arriva da un’azienda leader di questo settore come WiTricity, che ha appena raccolto 34 nuovi milioni di dollari di investimenti per accelerare sullo sviluppo. Beh buona parte di questo investimento si deve a Mitsubishi Corporation, che ha finanziato l’operazione tramite tramite Mitsubishi Corporation Americas.

Non è un caso inoltre che i fondi siano arrivati proprio adesso, dopo l’introduzione dello standard SAE J2954 per la ricarica wireless dei veicoli, con WiTricity che domina il settore con oltre 1.000 brevetti e collaborazioni eccellenti con Toyota, Mahle, TDK e molte altre realtà. Nello specifico Mitsubishi ha dichiarato: “Il nostro investimento in WiTricity riflette la visione innovativa che abbiamo del futuro. Per noi il ruolo della ricarica wireless sarà fondamentale negli anni a venire nelle città smart di tutto il mondo”. Beh come darle torto...

FONTE: InsideEVs
Quanto è interessante?
1