La retromarcia della nuova Tesla Model S si attiva in un modo molto particolare

La retromarcia della nuova Tesla Model S si attiva in un modo molto particolare
di

All'inizio di quest'anno Tesla ha presentato al pubblico la sua Model S aggiornata, la quale porta in strada modifiche e aggiunte piuttosto importanti ed estensive. Il CEO del brand Elon Musk ha persino affermato che nel prossimo futuro le Tesla potrebbero scegliere il verso nel quale muoversi attraverso un'analisi dell'area circostante il veicolo.

In effetti la nuova Model S non possiede più un sistema tradizionale per cambiare marcia, per cui i conducenti dovranno usare il display touchscreen centrale per le cambiate. Dato che il produttore californiano spinge da sempre il conducente ad affidarsi quasi interamente al display per la gestione della vettura, tutto questo non ci sorprende affatto.

Alcune ore fa siamo però venuti a conoscenza del piano che potrebbe portare Tesla a implementare la funzione "Smart Shift". Essa utilizzerà l'hardware della Guida Autonoma e l'intelligenza artificiale per decidere quando effettuare la cambiata e in che direzione spostarsi (ecco le prime immagini del software Tesla v11), anche se ora come ora abbiamo pochissime informazioni al riguardo.

Adesso però l'utente Twitter che risponde al nome di Michael Hsu ha appena pubblicato su Twitter un breve video, il quale mostra esattamente come cambiare marcia col nuovo sistema della Model S. Come potete notare voi stessi nel caso in cui vi rechiate in fondo alla pagina, Hsu trascina semplicemente il dito verso il basso sull'icona dell'auto per azionare la retromarcia, oppure verso l'alto per avviare la vettura nel verso più comune. L'animazione a schermo è piuttosto chiara, in quanto utilizza delle semplici frecce e un'auto stilizzata per comunicare col conducente.

Il tutto è molto intuitivo, ma è chiaro che un nuovo cliente della casa automobilistica californiana potrebbe inizialmente ritrovarsi completamente spaesato da alcune scelte di interfaccia molto poco comuni nei modelli degli altri produttori. Voi cosa ne pensate? La trovate una soluzione comoda o preferireste sistemi più tradizionali?

Prima di farcelo sapere tramite la sezione commenti in calce vogliamo rimandarvi ad una ulteriore novità che separa Tesla dai marchi automotive storici: da oggi in poi il brand accetta anche i pagamenti in Bitcoin, è ufficiale.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1