Realizzata la batteria per auto elettrica che si carica in 6 minuti

Realizzata la batteria per auto elettrica che si carica in 6 minuti
di

Dalle prime Nissan Leaf 100% elettriche apparse sul mercato ormai 10 anni fa alle EV attuali sono cambiate molte cose. Oggi ad esempio si ricaricano le batterie in un tempo infinitamente inferiore, anche se qualcuno sembra aver fatto l'impossibile: una startup ha caricato una batteria per auto in soli 6 minuti.

Andiamo con ordine e cerchiamo di fotografare la situazione attuale: a oggi le auto elettriche che caricano più in fretta sul mercato sono le nuove Tesla Model 3, che presso i Supercharger V3.0 possono immagazzinare fino a 250 kW, il che si traduce in una carica completa partendo dal 20% in poco meno di 30 minuti.

Non male, anzi, quasi fantascienza se guardiamo al nostro recente passato, una startup della Cambridge University ha però annunciato di poter caricare una batteria per auto in soli 6 minuti, quasi pareggiando il tempo di un classico rifornimento di benzina. L'annuncio non è nuovo a dir la verità, prima d'ora però questo risultato si era ottenuto soltanto in laboratorio, ora invece la carica iper veloce è stata realizzata su una batteria pronta per essere commercializzata.

Ma com'è possibile rigenerare una grande batteria per auto in così poco tempo? Jean De La Verpilliere, fondatore della Echion Technologies, ha dichiarato di aver creato una nuova polvere in grado di sostituire la normale grafite all'interno delle batterie agli ioni di litio, dunque non parliamo neppure di stato solido ma di qualcosa che si potrebbe utilizzare sin da subito negli accumulatori attuali.

Questa polvere migliorerebbe in maniera esponenziale la capacità di ricarica delle celle, permettendo così una carica 0-100% in appena 6 minuti. Ora la startup dovrà convincere i grandi produttori a usare la sua formula chimica, non a caso Echion Technologies sta lavorando a un OEM da consegnare ai grandi marchi del mercato. Si spera che la produzione seriale di massa di queste batterie possa partire già nel 2020.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
4