Rara Ferrari 488 Pista Spider vola su un dosso e finisce a testa in giù

Rara Ferrari 488 Pista Spider vola su un dosso e finisce a testa in giù
di

La Tail of the Dragon è una delle strade più iconiche degli Stati Uniti, si snoda tra Tennessee e Carolina del Nord e può essere equiparata alla Transfagarasan rumena: tante curve e tanto divertimento, a patto di non esagerare, soprattutto se non si è piloti esperti.

Nella giornata di ieri, mercoledì 20 ottobre, qualcuno deve aver esagerato: la pagina Facebook Idiots on The Dragon - che documenta i numerosi incidenti che avvengono nella nota strada - ha pubblicato le foto di una Ferrari 488 Pista Spider distrutta. Il modello è la cinquantesima Ferrari aperta mai prodotta. Con un peso di 1.380 chilogrammi è la prima spider del Cavallino ad essere più leggera della controparte coupé. Sotto al cofano posteriore batte un V8 biturbo da 3,9 litri capace di erogare 720 CV di potenza.

Probabilmente il conducente stava partecipando alla manifestazione Epic Adventures Blue Ridge 2021, un mega raduno di auto esotiche. È probabile ma non ancora confermato: sul luogo dello schianto è stata fotografata una Porsche 918 Spyder con gli adesivi di rito dell'evento.

Un testimone ha dichiarato che l'incidente è avvenuto dopo un rinomato dosso, battezzato Gravity Cavity MM3. La Ferrari è arrivata ad esso ad una velocità troppo alta e il conducente ha perso il controllo: la 488 è finita sulla corsia opposta, ha colpito il terrapieno ed infine si è ribaltata sul tetto. Pare inoltre che la vettura durante il capitombolo abbia sfiorato un fotografo a bordo strada.

Dalle foto si può notare un particolare surreale: il sedile passeggero e i tappetini sono ancora avvolti dalla pellicola protettiva. È verosimile che la vettura sia stata consegnata recentissimamente e che il proprietario non avesse molta dimestichezza con essa. Fortunatamente il conducente della 488 Pista Spider è uscito con solo un graffio sul braccio destro, allontanandosi con le sue gambe dall'abitacolo ormai compromesso.

Seppur dotate delle più avanzate tecnologie di sicurezza le supercar moderne non sono mai da sottovalutare. Guidarle al massimo significa rispettarle, conoscerle e prendersi il proprio tempo. C'è chi è finito in un lago con una Lamborghini Huracán per aver sbagliato il pedale spinto e chi ha schiantato una Mercedes Classe C 63 AMG al Nürburgring dopo un metro dalla partenza. (foto copertina: Idiots on The Dragon)

FONTE: The Drive
Quanto è interessante?
1