di

Siamo in un momento storico in cui gli sforzi delle case costruttrici si stanno spostando sempre più verso nuovi lidi, caratterizzati dalla propulsione elettrica o ibrida. Nel contempo nascono sempre più piccoli costruttori che nutrono l’idea di riportare in auge glorie del passato, replicando o ispirandosi a vetture che hanno fatto la storia.

Ultimamente abbiamo ammirato progetti ambiziosi, come la Lancia 037 di Kimera Automobili e la GTO Squalo di GTO Engineering, ma oggi i riflettori sono puntati su Radford. Il marchio britannico nacque nel 1948 e diventò famoso grazie alla costruzione di modelli basati su design classici, con cui si è fatta un nome offrendo adattamenti di vetture come Bentley e Rolls Royce.

Dopo un periodo di stop, Radford è pronta a ritornare grazie alle forze fresche che hanno deciso di rinnovarla. Primo tra tutti Jenson Button, ex campione di Formula 1, che viene affiancato da Ant Anstead, commentatore TV e costruttore di auto, il car designer Mark Stubbs e l’avvocato Roger Behle. La compagnia ha quindi svelato alcuni dettagli del loro primissimo progetto, che vanterà la collaborazione con Lotus Engineering.

La prima auto del rinnovato marchio Radford sarà una rivisitazione in chiave moderna della Lotus Type 62 del 1969, ma per i dettagli tecnici bisogna aspettare la presentazione ufficiale, che dovrebbe tenersi entro l’anno in corso. I singoli rappresentanti dell’azienda hanno però espresso alcune considerazioni sulla loro prima vettura.

Ant Anstead ha dichiarato che l’auto sarà un oggetto davvero speciale e sorprendente, con un chiaro rimando all’opulenza che contraddistingueva i modelli del carrozziere Radford. Button invece si è sbottonato sulla dinamica di guida, che sarà coinvolgente e analogica, per riportare in auge la purezza della guida che sembra andata persa nelle auto attuali.

Sarà una vettura per veri appassionati, e dotata di un chiaro pedigree di derivazione Lotus. La stessa casa di Hetel si è espressa circa il progetto di Radford, dichiarandosi fiduciosa del fatto che questa collaborazione verrà ricordata come una delle più uniche e memorabili.

FONTE: Carscoops
Quanto è interessante?
1
Radford svela la sua prima vettura: sarà sviluppata con Lotus Engineering