di

Correva l'anno 2012, e i ragazzi di Top Gear in una puntata speciale dedicata all'Agente a servizio di Sua Maestà James Bond, crearono una vera e propria Lotus Esprit sommergibile, come quella vista in La spia che mi amava. Avendo successo laddove perfino Elon Musk fallì.

Dell'assurda storia della vera Lotus Esprit del '76 usata nella pellicola una "Spia che mi amava" vi abbiamo già raccontato nel nostro speciale dedicato alle leggendarie auto di 007: il veicolo usato nelle scene principali scomparì misteriosamente dai radar per diversi anni, salvo essere ritrovata casualmente in un box abbandonato. Fu acquistata da Elon Musk alla cifra record di 997.000$, che aveva l'ambizione di renderla in grado di funzionare veramente sott'acqua. Non ci riuscì mai.

Storia differente per il team di Top Gear, come testimonia questo video throwback del 2012. Sette anni fa, fa un po' impressione vedere un Richard Hammond molto più giovane.

I finestrini e i parabrezza originali sono stati rimpiazzati con un materiale di tipo simile a quelli usati per l'aviazione, mentre la carrozzeria è stata rinvestita con diversi strati di vetroresina. L'esperimento ha successo, e nel video vediamo veramente la Lotus Esprit S1 immergersi nelle acque con a bordo il nostro Hammond.

Ovviamente sul veicolo non è stato montato anche un lancia siluri terra-aria come nella macchina del film. Chissà, sarà per un'altra volta.

Quanto è interessante?
4