Proteste per la Giga Berlin di Tesla: rischio inquinamento e siccità

Proteste per la Giga Berlin di Tesla: rischio inquinamento e siccità
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Esistono regioni d’Europa (come l’Emilia Romagna per esempio...) che pagherebbero oro per avere un’azienda di Elon Musk al loro interno, così da guadagnare in prestigio, tasse e posti di lavoro. Gli abitanti di Erkner invece, vicino la Giga Berlin di Tesla, non la pensano allo stesso modo.

La cittadina si trova a poche fermate di treno da Berlino ed è molto vicina all’azienda che Tesla sta costruendo in Germania, la prima in Europa, quello che sarà lo snodo chiave per tutto il mercato del vecchio continente. Un impianto enorme che l’azienda americana sta costruendo cercando di rispettare il più possibile l’ambiente, secondo gli abitanti della cittadina tedesca però il rischio è che la fabbrica consumi quantità di acqua abnormi, più di quanto la regione possa permettersi.

A infiammare la polemica un’inchiesta della ZDF, secondi cui la Giga Berlin andrà a consumare 3,6 milioni di metri cubi d’acqua all’anno, il 30% del volume totale disponibile nella zona. “Tesla andrà a consumare molta acqua e la regione non ne ha” ha detto Steffen Schorch, rappresentante locale della ONG ambientale Nabu, “inoltre il sito si trova in una zona di protezione delle acque, il rischio che la fabbrica abbia un impatto diretto con le acque che scorrono nel sottosuolo - inquinandole - è molto alto.”

A preoccupare Nabu anche una potenziale siccità della zona legata alla fervente attività della fabbrica. Non è la prima volta che la Giga Berlin di Elon Musk viene attaccata da associazioni e residenti locali, vedremo nelle prossime settimane se queste nuove proteste porteranno a qualche conseguenza concreta.

Quanto è interessante?
2