di

Durante il Festival of Speed di Goodwood 2022 ha debuttato la Mercedes-AMG One, l’hypercar tedesca il cui motore deriva dalla monoposto di Formula 1 con cui Lewis Hamilton ha vinto il campionato mondiale del 2017. Lo sviluppo e la costruzione dell’AMG One sono stati una sfida per la casa, e questo video mette in luce tutte le sue complessità.

Pensate che il motore da F1, al minimo, gira a 5.000 giri/min, mentre quello della One a 1.200 giri/min, e già questo è sinonimo di quanto lavoro ci sia stato dietro questo propulsore per renderlo “stradale” e anche rispettoso dei limiti imposti sulle emissioni per le auto di produzione. Ma come si evince dal video pubblicato dallo youtuber Rana65556, l’hypercar Mercedes presenta tanti altri segreti.

Colui che ha pubblicato il video ha ordinato uno dei 275 esemplari della AMG One, e ha deciso di documentare l’evento organizzato da Mercedes a Immendingen, dove i clienti potevano assaggiare per la prima volta ciò che l’auto ha da offrire loro. Per l’occasione, il leader del progetto, Marco Lochmahr, ci spiega la vettura in alcuni suoi aspetti, a partire dalle diverse modalità di guida selezionabili dal volante, con la Race+ che aziona anche tutte le parti aerodinamiche mobili e estende tutta l’ala al posteriore (di recente è stata avvistata una AMG One al Nurburgring per tentare un nuovo record della pista), ma non mancano dettagli più tecnici.

Ci viene mostrato ad esempio il particolare catalizzatore preriscaldato utilizzato per rispettare le emissioni: l’auto va in modo sempre in modalità elettrica, e solo dopo 50-60 secondi si può risvegliare il mostro, il tempo necessario affinché il catalizzatore sia pronto a fare il suo dovere. Inoltre ci fa notare che alla sinistra della pedaliera regolabile (come le auto da corsa non si muove il sedile ma tutta la pedaliera) c’è uno switch che va premuto prima di fare rifornimento per depressurizzare il serbatoio, solo allora si apre il bocchettone.

Durante le spiegazioni all’interno dell’abitacolo, il leader del progetto ha anche acceso il motore termico della vettura, che è esploso in un boato per poi rimanere borbottante e rumoroso anche al minimo, come è giusto che sia essendo un’unità derivata dalle corse: e durante il tour della vettura, dopo una laboriosa rimozione dei pannelli che fungono da cofano, lo possiamo anche vedere in tutto il suo splendore, imbullonato al telaio monoscocca in fibra di carbonio.

Quanto è interessante?
1