La proposta: etilometro collegato al motore obbligatorio su tutte le auto

La proposta: etilometro collegato al motore obbligatorio su tutte le auto
di

Si sta molto discutendo negli ultimi mesi di usare la tecnologia per impedire alle persone con tasso alcolemico elevato di mettersi alla guida. La soluzione più gettonata: introdurre di serie su tutte le auto un etilometro, se il livello è sopra il limite la auto non parte. Ora c'è una proposta di legge.

Succede negli Stati Uniti, dove una proposta del genere è fortemente promossa dal MADD, il gruppo Mothers Against Drunk Driving. La proposta prevede che l'etilometro sia incluso di serie, obbligatoriamente, su tutti i veicoli di prossima produzione. Andrebbe quindi a far parte della dotazione obbligatoria, alla pari di cinture di sicurezza e airbag.

Il guidatore, dunque, prima di avviare il motore sarebbe costretto a soffiare nell'etilometro e se il suo tasso alcolemico è superiore ai limiti di legge la macchina non partirebbe nemmeno. Oppure verrebbe bloccato lo sterzo. Insomma, in entrambi i casi il guidatore non sarebbe messo nelle condizioni di avviare la marcia.

La proposta ha ricevuto il sostegno di diversi senatori e di altrettanti gruppi a sostegno della sicurezza stradale. Il Reduce Impaired Driving for Everyone Act (RIDE Act) in un primo momento si limiterebbe a disporre un finanziamento di 25 milioni per fare ricerca su questa tecnologia, verificando che si tratti effettivamente di una soluzione praticabile e utile a risolvere il problema delle morti su strada.

In Europa siamo a qualcosa di vicino a questo, le auto prodotte a partire dal 2022, obbligatoriamente, dovranno avere lo spazio per installare l'alcolock — non è obbligatorio per tutti, ma alcuni Stati potrebbero imporlo a chi ha precedenti.

Nel frattempo, in Italia si torna a parlare di stragi del sabato sera. Quelle create proprio da chi torna dai locali e dalle discoteche avendo bevuto troppo.

FONTE: The Drive
Quanto è interessante?
6