Potenziare una bici elettrica in Francia costa fino a 30.000€ di multa e il carcere

Potenziare una bici elettrica in Francia costa fino a 30.000€ di multa e il carcere
di

Una nuova legge approvata dal Parlamento francese impone sanzioni pesantissime per chiunque venga beccato a pedalare su una bicicletta elettrica modificata per aumentarne la potenza. Nel migliore dei casi si rischia una multa a dir poco colossale, ma l'alternativa è il carcere.

Le nuove norme prevedono una multa fino a 30.000 euro e una pena fino ad un anno di carcere. Già avete letto bene, giochicchiare con i motori elettrici delle bici vi può costare il carcere se abitate dall'altra parte delle Alpi.

Ma non finisce qua, perché le nuove leggi prevedono anche la possibilità, in via accessoria, di ritirare la patente del trasgressore per un massimo di tre anni.

Ricapitolando, girare con una bici elettrica modificata ti costa il carcere, 30.000 euro di multa e anche la sospensione della patente per ben 3 anni.

Ma queste leggi si applicano anche per i produttori, importatori e rivenditori di bici. Nel loro caso la pena massima sale fino a due anni.

In Francia le e-bike non possono superare la velocità di 25 km/h. Tuttavia, la legge prevede una seconda classe di veicoli elettrici, noti come Speed Pedelecs, a cui è concessa una velocità massima di 45 Km/h. La legge prevede anche un obbligo di potenza massima, ma in linea di massima si ritiene che i limiti di velocità siano più facili da verificare per le forze dell'ordine.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
3