Porsche, il concept elettrico Mission X potrebbe entrare in produzione

Porsche, il concept elettrico Mission X potrebbe entrare in produzione
di

La nuova hypercar di Porsche sarà presto confermata. La decisione sulla versione di produzione del, fino ad ora, concept Porsche Mission X verrà presa quest'anno. Sarebbe la Porsche più veloce di sempre e potrebbe ricevere l'approvazione interna entro pochi mesi.

Il CEO di Porsche, Oliver Blume, ha condiviso i piani del marchio tedesco di auto ad alte prestazioni e di essere in procinto di prendere questa importante decisione su questa nuova hypercar completamente elettrica entro pochi mesi, citando il feedback estremamente positivo ricevuto in occasione dei festeggiamenti per i 75 anni del marchio.

"Con il concept abbiamo mostrato la tecnologia che vogliamo inserire nell'auto, il profilo prestazionale e il feedback che abbiamo ricevuto in occasione dei nostri 75 anni di celebrazione è stato estremamente positivo, quindi è una grande motivazione per noi realizzare l'auto"

Tuttavia, Blume ha sottolineato che qualsiasi progetto del genere "deve essere fattibile", pur mantenendo l'obiettivo di raggiungere il massimo livello di prestazioni Porsche. Egli ha anche, appunto, confermato che l'obiettivo è di prendere una decisione entro quest'anno sulla produzione della Mission X.

Se tutto dovesse filare liscio, Porsche prevederebbe di avviare la produzione della concept car Mission X nel 2024 mentre si impegna verso una nuova era di mobilità elettrica che include una gamma di SUV elettrici, due auto sportive elettriche e versioni ibride dell'iconica 911. Porsche infatti ha un rapido passaggio all'elettrico, con l'obiettivo dell'80% di veicoli elettrici entro il 2030.

Sempre rimanendo sul futuro elettrico di Porsche, gli Stati Uniti diventano sempre più attraenti per i produttori automobilistici, con Porsche che costruirà la sua fabbrica di batterie negli States invece che in Germania. La decisione riflette una tendenza più ampia, con BMW e Audi che considerano anch'esse la delocalizzazione negli USA. Questo è stimolato dagli incentivi finanziari più generosi offerti dall'America e dalle politiche economiche di Biden.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi