Una Porsche 356A con cingoli e sci: un'auto folle per tentare un record in Antartide

Una Porsche 356A con cingoli e sci: un'auto folle per tentare un record in Antartide
di

Renee Brinkerhoff è una pilota di rally amatoriale, filantropa e fondatrice del suo stesso team, il Valkyrie Racing. Ha girato il mondo a bordo della sua Porsche 356A opportunamente equipaggiata. Corre da appena 9 anni, e come primo rally ha scelto La Carrera Panamericana, uno dei più pericolosi e duri. Ora vuole conquistare l’Antartide.

Renee è del '56, esattamente come la sua Porsche 356A (se amate quest'auto, non potete perdervi questa Porsche 356 Speedster del '55 restaurata ad arte da un concessionario), e 356 sono le miglia che percorreranno assieme nel viaggio sulla terra dell’Antartide, cercando di stabilire un nuovo record di velocità nell’attraversare questo continente.

Per sperare di raggiungere l’obiettivo, la sua Porsche andava preparata a dovere, e in suo aiuto è giunto Kieron Bradley, ingegnere capo del design dei telai in Lotus, e attualmente detentore del record di viaggio overland più veloce sulla terra antartica. Per riuscire nell’impresa bisogna scongiurare che l’auto possa rimanere impantanata nella neve, per questo Kieron ha modificato l’auto in maniera tale da aumentare la sua impronta a terra.

Ebbene, per fare ciò ha montato due grossi “sci” al posto delle ruote anteriori, mentre sull’assale posteriore ci sono dei cingoli da carro armato (pensate che c'è chi ha montato quattro cingoli sulla Tesla Model 3), che assieme hanno permesso alla Porsche di esercitare un peso a terra di soli 0,5 kg per pollice quadrato (1 pollice quadrato equivale a 6,4 cm quadrati), ossia il 4% in meno rispetto alla vettura standard, nonostante i nuovi componenti abbiano aumentato notevolmente la massa complessiva del mezzo.

All’interno non manca un rollbar completo di sicurezza in caso di ribaltamento, e ci sono anche pannelli solari che generano 150 W, necessari ad alimentare un compressore per basse temperature da 12 V che servirà per gonfiare un cuscino d’aria posto al di sotto dell’auto che funge da cric qualora dov’esse trovarsi bloccata in mezzo alla neve più morbida. Per trarsi d’impaccio da situazioni scomode c’è anche un verricello accanto al motore, così come un finestrino “di sicurezza” da cui si può uscire se le porte dovessero rimanere bloccate per qualsivoglia motivo.

Il viaggio è previsto per il prossimo dicembre, e se tutto andrà bene lungo le 356 miglia di viaggio, all’arrivo tenterà anche un record di velocità sulla pista di atterraggio dell’Union Glacier, rimontando delle ruote convenzionali ovviamente.

FONTE: The Drive
Quanto è interessante?
2
PorschePorschePorschePorsche