di

Il team iberico di km77.com ci aveva lasciato con la prova della BMW i4 eDrive40, e oggi torna con il test dell'alce della nuova Polestar 2 con Performance Pack. L’elettrica svedese si è comportata bene ma senza registrare prestazioni da riferimento, mentre nello slalom eccelle.

Solitamente, le auto elettriche ben si adattano alla prova di schivata di un ostacolo grazie alla presenza dei pacchi batteria posti molto in basso nel corpo vettura così da abbassare il baricentro, sebbene il peso resti sempre un elemento limitante nelle prove dove è richiesta una buona dose di agilità.

Il test viene decretato positivo se la velocità d’entrata tra i coni è maggiore o uguale ai 77 km/h, ma non è l’unico aspetto che conta: il comportamento della vettura durante l’esecuzione dell’esercizio è di vitale importanza trattandosi di una simulazione di manovra d’emergenza in caso di ostacolo sulla corsia di marcia.

La Polestar 2 con Performance Pack (la Polestar 2 è la miglior elettrica a tutto tondo secondo Top Gear) può contare su pneumatici Continental SportContact 6 in misura 245/40 ZR20, sospensioni Öhlins e impianto frenante sovradimensionato griffato Brembo, e in questa configurazione ha ottenuto un risultato migliore di 74 km/h senza abbattere alcun cono e mantenendo un comportamento neutro. Non sono mancati però i tentativi a velocità superiore: ad 81 km/h l’auto non è riuscita a rientrare in corsia a causa di un impressionante sottosterzo, mentre a 77 km/h la situazione migliora molto ma la dinamica resta la medesima.

Non è comunque una nota di demerito, si tratta piuttosto di una specifica scelta progettuale volta a garantire una maggior sicurezza e facilità di controllo da parte dei clienti, anche quelli meno esperti alla guida, che in caso di sovrasterzo rischierebbero molto di più.

Nello slalom invece l’auto si è comportata molto bene, segnando il miglior tempo nell’esecuzione dell’esercizio e diventando il nuovo riferimento tra i veicoli testati nello slalom dal team iberico, superando sfidanti come la MINI Cooper SE Countryman, la Cupra Born e la BMW i4.

Quanto è interessante?
1